Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

giovedì 24 dicembre 2009

Sindaco Minganti : ma proprio non si vergogna…?

.
......

Sto leggendo il numero 6 di Prometeo, il periodico dell’autoincensamento del Sindaco di Minerbio, Sig. Lorenzo Minganti, e mentre lo faccio ho ancora negli occhi le immagini viste sul Resto del Carlino di pochi giorni or sono, e cioè quelle del Primo Cittadino di Minerbio che, a torso nudo si mette in posa per la Stampa, nell’atto di iniziare una arrampicata in montagna.
Le due cose mi hanno indotto a registrare un inconscio moto di ripulsa dovuto a vari motivi, non ultimo quello che deve registrare una imposizione mediatica non richiesta, in un impeto forse di auto proselitismo elettorale e di immagine che il Sindaco vuole esportare a tutti i costi.

Complice di tale disegno è naturalmente l’organo di diffusione per eccellenza dell’Amministrazione Comunale, e cioè Prometeo, la cassa di risonanza delle smargiasserie più conclamate di tutta una serie di proclami e di benevola auto-approvazione che hanno lo scopo di convincere noi cittadini sulla appropriatezza delle scelte e dell’operato di chi siede sugli scranni del potere locale.
Peccato per loro che anche noi, umili mortali, abbiamo una certa capacità di sintesi e di ragionamento…
Peccato che anche noi, semplici cittadini, abbiamo sviluppato, dopo anni di promesse elettorali disattese e di fanfaronate di Palazzo, una certa capacità di critica…
Peccato… per l’Amministrazione Comunale…naturalmente.
Sì, perché alle prossime elezioni i nodi verranno al pettine.

Parlo dei nodi mai menzionati perché scomodi, o mai presi in considerazione perché il dialogare con i cittadini che pongono critiche costruttive sembra quasi essere riduttivo per il lignaggio dei rappresentanti del Potere, Sindaco in testa.
I nodi verranno tutti al pettine…

Non serve che il Sindaco mostri il suo fisico atletico, sorridente e affabile, quasi spensierato…mentre i lavoratori licenziati dalla Caterpillar passeranno un Natale molto triste, sopraffatti dalla preoccupazione per un futuro che non si preannuncia per niente roseo, e per il quale Lorenzo Minganti ha negato un fondo di solidarietà richiesto da più parti, ad alta voce…

Il segnale del Sindaco è apparso chiaro, anzi chiarissimo, nella sua drammaticità e nella sua scelta delle priorità, che hanno visto privilegiare la scuola materna Sacro Cuore, destinataria di 160.000,00 euro in cinque anni, anziché preoccuparsi di alleviare il disagio di quei cittadini incappati nel baratro della disoccupazione.
E’ palese che coloro che portano i figli alla materna siano genitori che di fatto lavorano, altrimenti va da sé che terrebbero i bambini a casa, come fanno coloro appunto che sono stati licenziati a causa della crisi dilagante.
Il fatto stesso che svolgano una attività lavorativa, pone questi genitori in rapporto di secondaria priorità rispetto a chi, purtroppo non ha più un sostentamento economico, e deve provvedere comunque ai bisogni della famiglia e dei figli.

Allora mi chiedo… è meglio agevolare un servizio, fruito da chi ha già la fortuna di avere un posto di lavoro, o è meglio aiutare le famiglie senza reddito, come quelle dei lavoratori messi a casa dalla Caterpillar ?
Per altro, una Amministrazione laica, dovrebbe essere svincolata da condizionamenti di tipo filosofico-religioso, e basare le sue argomentazioni e le sue prerogative su un piano di sviluppo che tenda a rafforzare la struttura pubblica, a cui, da sempre, fanno riferimento la maggioranza delle famiglie.
Soprattutto dopo lo scellerato piano di intervento del Ministro Gelmini, si potrebbero focalizzare le risorse disponibili verso il “tamponamento” di quei settori che risentono, appunto, delle sopravvenute anomalie funzionali.
E’ sempre questione di priorità, caro primo cittadino…come per esempio quella di pensare ad una pista ciclabile a Cà de Fabbri, che va dalla Chiesa al Cimitero (il Clero imperversa, evidentemente), mentre a Minerbio è stata ignorata la segnalazione fatta a più riprese riguardo l’impossibilità di fruire del marciapiede, in una zona ad alto rischio per il traffico pedonale.

Che dire poi della decantata riqualificazione del “nuovo salotto di Minerbio”..?
Con i nostri soldi, sono state semplicemente riverniciate le panchine in muratura, mentre il fondo calpestabile è stato trasformato in una pseudo sostanza paludosa e appiccicaticcia, infiorettata da una luminescenza prodotta da lampade fuori legge (come sancito dall’Unione Europea) che creano coni e zone d’ombra.
Nelle intenzioni del Primo Cittadino forse c’era la volontà di creare uno scenario suggestivo, foriero di ancestrali ricordi, di tipo medioevale, allo scopo di sviluppare appunto un salotto, un percorso da fruire per una passeggiata, ma in realtà non si è accorto che questa situazione era già presente e funzionante, anche senza l’appiccicosa introduzione e le lampade che non illuminano.
Con i nostri soldi, e lo ribadisco…i nostri soldi, si poteva discutere con le opposizioni o con i cittadini, per trovare magari, come detto in un post precedente, le luci appropriate.

Però si è preferito agire senza dialogare, per poi bearsi a piu’ riprese su Prometeo, e autoincensarsi fino alla nausea.
Mentre Lorenzo Minganti si produceva in uno sforzo mediatico, enfatizzando i suoi mirabolanti risultati, e monopolizzando un’intera pagina del “Resto del Carlino” in posa plastica, sorridente e affabile, intanto, migliaia di cittadini subivano il disagio dovuto alla Sua mancanza di attenzione al problema neve.

......

La mancata operazione di spargimento del sale sul manto stradale ha creato uno strato di ghiaccio che ha reso particolarmente pericoloso il transito dei veicoli, e dei pedoni, degli anziani e dei bambini soprattutto.
Code chilometriche, auto finite fuori strada, e disagi a non finire, strade inagibili…non solo nelle vie laterali e nei vari quartieri della nostra cittadina, ma anche e soprattutto nell’arteria principale che attraversa Minerbio.
Spero che il Sindaco abbia il buon gusto di non addurre come scusante il fatto che trattandosi di una Strada Provinciale, non si sia intervenuti adeguatamente poiché la competenza non lo permetteva.

Siamo stanchi di facili alibi a cui ricorrere per mascherare la mancanza di interesse verso i problemi dei cittadini, così come si è fatto in occasione dell’incidente successo davanti all’Istituto comprensivo di Minerbio.
In tale recente occasione, tre bambini sono stati investiti sulle strisce pedonali, e solo per pura
fatalità l’episodio non ha assunto le tinte fosche di una tragedia.
L’attraversamento pedonale è poco illuminato, anche a detta dei Vigili urbani, e di tutti coloro con cui se ne parla, ma il Sindaco sembra non averci neanche pensato, finora.

In risposta alle mie rimostranze, in cui ventilavo una Sua responsabilità penale, ha risposto che sarebbero in procinto di montaggio alcuni fari (vedremo se a led, o fuori legge) per risolvere il problema dell’illuminazione del tratto stradale, ma che per quanto riguarda una eventuale isola spartitraffico salvagente davanti alla Scuola, ha ricevuto lo stop della Provincia.
Quindi l’alibi viene sempre riproposto, incessantemente, superando quindi abilmente i problemi contingenti senza risolverli.
Ma Prometeo tace su ciò…subdolamente pervasa di fervore quasi misticistico imperniato sulle mirabolanti imprese di “Super Minganti” il nostro eroe mediatico dalle mille risorse !

Sindaco…le suggerisco di cuore di togliersi di dosso la maschera che usa per rappresentare lo stereotipo dell’Amministratore politico arrogante e supponente e si lasci coinvolgere da uno spirito più conciliante in cui trovi spazio una maggiore collaborazione con noi umili mortali, nonché suoi, ahimè, elettori.
Impari e faccia suo il significato del termine umiltà, adattandolo al Suo status quo, e cerchi di capire, sforzandosi, che dalle altre persone spesso c’è molto da imparare.La critica costruttiva rappresenta infatti un valore aggiunto che Lei sembra però disprezzare, ignorando le opposizioni che incontra durante il Suo percorso.
C'è un proverbio che recita : "Si raccoglie ciò che si semina".
Questo frammento di saggezza, retaggio di vita vissuta, popolare, rivela una verità sempre attuale, presente e applicabile ad ogni strato della nostra attuale società e ci dimostra che ad ogni azione corrisponde sempre una reazione.
Mi riferisco alle minacce ricevute dal Sindaco pochi giorni addietro, riportate sul quotidiano “Il Resto del Carlino”.

Pur prendendo le distanze da un comportamento deprecabile quale è qualsiasi ricorso a forme di violenza, siano esse verbali o fisiche, e ribadendo che in democrazia l’alternativa e il confronto devono esprimersi attraverso la dialettica verbale, devo allo stesso tempo constatare che la persistente arroganza e la visione unilaterale del Sindaco possano aver fatto leva sui bassi istinti di qualche psicolabile.
Per questo motivo rivolgo al Primo Cittadino la mia personale solidarietà in termini di principio, ricordandogli però che quasi sempre i contenuti e la sostanza del proprio comportamento si riflettono nelle aspettative di coloro che guardano alla figura istituzionale come riferimento.

Molti Comuni del bolognese, nel momento dell’emergenza neve, stante l’immobilismo della Provincia, si sono attivati in proprio, anche con l’ausilio del volontariato locale, per superare le problematiche contingenti.
E’ stato sufficiente, per loro, dotarsi della buona volontà tipica di chi ha a cuore la risoluzione dei problemi dei cittadini, uscendo dagli schematismi di Palazzo e dagli alibi delle competenze.
Sindaco…se vuole facciamo una colletta per comprare il sale, e ci organizziamo per lo spargimento dello stesso, ma se da soli ci occupiamo di tutto ciò, Lei cosa ci sta a fare…?
Non sente una vampata al viso, tipica di chi prova un senso di vergogna…come quando da piccoli si viene scoperti dalla mamma con le mani nel vasetto della marmellata..?
Comunque, continuando la lettura di Prometeo, cerco speranzoso qualche accenno che mi induca a sperare in una futura risoluzione di problemi di varia natura, a cui abbiamo fatto riferimento in vari post, come quello della mancanza delle pensiline alle fermate degli autobus, o come quello relativo alla fatiscenza del Parco Pubblico.

Purtroppo non c’è traccia di NULLA…il vuoto assoluto…

Caro Sindaco…l’umiltà…grande cosa…che impone di parlare soprattutto di ciò che non si è fatto…
Caro Sindaco…è Natale, e per questo Le rivolgo un augurio di pace e di serenità…nonostante tutto, sperando che i propositi per l’Anno che verrà saranno migliori per tutti.
Buon Natale...

Dissenso
.

~ ~ ~

sabato 5 dicembre 2009

REPLICA ALLA RISPOSTA DEL SINDACO

Di seguito, pubblico la replica alla risposta del Sindaco, inviatagli a mezzo mail, riguardo alle considerazioni inerenti alla sicurezza e alla viabilità di Minerbio, relativamente alla tragedia sfiorata in occasione dell'incidente del 30 novembre 2009.
In tale data, un'auto ha infatti investito tre bambini, accompaganti dalla loro mamma, sulle strisce pedonali, davanti all'Istituto Comprensivo.
~ ~ ~ ~
Spett.le Sindaco,
innanzitutto vorrei esprimerLe il mio vivo ringraziamento per avermi risposto, e per non aver lasciato cadere nel vuoto le rimostranze espresse, frutto peraltro di reali preoccupazioni.
Mi scuso se posso averLe dato modo di pensare che sono sempre dubbioso sull’operato degli amministratori pubblici, Lei compreso, ma la mia reazione è spesso dettata dalla negatività di molti esempi che ci circondano, anche se non sempre specificatamente minerbiesi.
Il mio intento sarebbe quello di essere propositivo, e non di essere orientato ad un inutile nichilismo.

Spero quindi che in futuro i nostri rapporti saranno improntati ad un clima di serena collaborazione, come penso, auspichi anche Lei.
Detto ciò, prendo atto di quanto affermato in risposta ai vari punti proposti nel blog a proposito dell’attraversamento pedonale, rammaricandomi che la Provincia di Bologna abbia espresso parere negativo alla realizzazione dell’isola salvagente e del rialzo del piano viabile.
Non è necessario che Lei produca le lettere e le risposte, a titolo di prova, anzi mi scuso per averla messa in condizione di doversi giustificare.
Vengo a conoscenza del fatto che, in realtà anzi, Lei aveva già provveduto a fare una richiesta alla Provincia, manifestando così l’intenzione di occuparsi di un aspetto di questo problema.
Questo Le fa onore (vorrei dire finalmente, ma temo di essere frainteso), e spero come cittadino, che l’interpretazione di un ruolo attivo e propositivo rappresenti la normale quotidianità del Suo percorso di amministratore.
Aggiungo però di non avere l’abitudine, come Lei sostiene, di mettere in dubbio la parola degli Amministratori, ma di limitarmi a constatare, purtroppo, che spesso noi cittadini siamo disattesi nelle aspettative, e la responsabilità di ciò cade sulle vostre spalle.

Volevo dirLe che mi attiverò per verificare se sia possibile ricorrere a strumenti di pressione alternativamente paralleli ai suoi, per ottenere una diversa risposta dalla Provincia sulla questione.
Per quanto riguarda il Suo accenno al fatto che mio figlio nel blog si lamentasse del limite dei 50 Km orari, devo puntualizzare che nel contesto generale il riferimento è finalizzato al fatto che in uscita dal paese si tende ad accelerare, e quindi la penalizzazione per chi supera tale limite appare effettivamente un escamotage per fare cassa, in considerazione del fatto che dall’altro lato, in ingresso, e quindi in direzione della Scuola, non ci siano mai postazioni mobili di autovelox.
E’ ben specificato infatti, nel post, questo meccanismo punitivo in uscita, contrapposto al permissivismo in entrata.
Anche mio figlio, come tutti i cittadini infatti (faccia un sondaggio tra la gente), vedrebbero una limitazione di un tratto di strada che sia in prossimità della Scuola e che ricalchi una politica di prevenzione come l’istituzione di una “zona trenta”.

I limiti non sono impossibili da rispettare, come afferma Lei, e non sono assurdi, poiché sono contemplati in quanto tali a livello europeo, e servono alla tutela della vita umana in particolari situazioni di pericolo, come appunto la presenza di bambini davanti ad un Istituto Scolastico.
Lei sa benissimo che quando si sparge la voce che c’è un velox, o una zona di rispetto controllata, o comunque che si è in presenza di una situazione particolare che possa provocare sanzioni ai contravventori, la gente si abitua immediatamente alla velocità consentita.

Tutti infatti, o quasi, sono a conoscenza, per esempio, della collocazione geografica delle postazioni autovelox, e si guardano bene dal pigiare col piede sull’acceleratore nelle loro vicinanze.
Le mie affermazioni non sono finalizzate ad una sterile polemica, ma al raggiungimento di un obiettivo particolarmente sensibile, che è quello della sicurezza dei cittadini, e dei bambini in particolare.
Se può servirLe, per ammorbidire eventuali inclinazioni al diniego dei permessi e delle autorizzazioni necessarie, sono pronto e disponibile ad una raccolta firme.
Il fatto che la Provincia abbia negato il permesso di un’isola spartitraffico non è motivo sufficiente, a mio modesto parere, di demordere dalla volontà di insistere e di tendere al raggiungimento di questo fine necessario alla sicurezza.

Riguardo invece alla realizzazione di un attraversamento pedonale rialzato in via Giovanni XXIII, Lei può benissimo controllare sul blog che la critica non era rivolta alla realizzazione di quel particolare e specifico lavoro, ma, nel suo esito complessivo, al di là della nuova realizzazione, in un contesto precedente e immutato, che innegabilmente penalizza i portatori di handicap.
La invito, cortesemente, a leggere tra le righe, e a non considerare sempre la critica come un attacco più o meno diretto al Suo operato, ma come ad una chiave di lettura diversa dalla Sua, da cui potrebbe anche trarre suggerimenti utili.
Io non voglio mettermi al Suo posto, o prevaricarLa, o peggio avere la presunzione di essere più capace di Lei, anzi, sono sicuro che non avrei la capacità di affrontare al meglio tutti i problemi, ma sono sicuro che trarrei dai consigli e soprattutto dalle critiche dei concittadini un sicuro strumento di paragone e di confronto per la risoluzione delle problematiche che si presentano.
Riguardo all’intervento n° 4 proposto nel blog, le faccio presente che ci sono sì due cartelli di pericolo, in entrambi i sensi di marcia, ma sono situati proprio davanti alla Scuola, e non collocati, come sarebbe più logico che fosse, a distanza utile per consentire un eventuale rallentamento della velocità.
Inoltre, e lo dico non per addossare responsabilità di sorta, ma per una coscienziosa presa di posizione propositiva e improntata ad un fattivo spirito di collaborazione, la presenza di cartelli più grandi, visibili, magari luminosi, che non appartengano al solito stereotipo tradizionale, forse permetterebbero una soglia di attenzione più elevata da parte degli automobilisti.
A Lei, personalmente, come Primo Cittadino, cosa costa attuare una politica di maggior attenzione a questo riguardo ?
Le sarebbe sicuramente utile in termini di riappacificazione con quei cittadini che vedono la figura dell’Amministrazione pubblica come mero interprete di un ruolo burocratico, lontano dagli interessi reali della gente, oltre che a darLe una confortevole sensazione di aver contribuito in maniera decisa e superiore al minimo consentito tradizionalmente applicato dalla maggioranza dei Suoi colleghi.
Guardi la lista dei politici indagati e corrotti che ho pubblicato su :

E’ impressionante, anche se incompleta, e le darà un quadro approssimativo del perché la gente sia stanca della politica.
Lei, che si differenzia totalmente da coloro che ho riportato nella lista sopracitata, approfitti del fatto che è giovane, onesto, beneamato (mi risulta), e affondi il coltello nella piaga del disinteresse pubblico, dimostrando una reale e attiva partecipazione che vada oltre le righe.
Non le voglio insegnare, non fraintenda, ma voglio bene a Minerbio, alla campagna, alle persone, e vorrei che tutti vivessero in armonia, risolvendo quindi quei problemi che ne impedirebbero, altrimenti, il proseguo.
Dovremmo arrivare ad un risultato che è quello di poterci occupare della cultura, dell’arte, del patrocinio ai talenti emergenti, dell’assistenza verso i meno fortunati, dei bambini senza genitori, della organizzazione laica del volontariato, senza doverci interrompere perché mancano un cartello stradale o una illuminazione decente.
Spero di averLe chiarito come la penso, auspicando magari un colloquio di persona, in futuro, almeno per poterci conoscere di persona.

Cordiali saluti,
E. B.
..

RISPOSTA DEL SINDACO A PROPOSITO DELLA SICUREZZA DEGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI



Pubblico, come indicato nel titolo, la risposta del Primo Cittadino, a proposito delle problematiche evidenziatesi in occasione della tragedia sfiorata il 30/11/2009 allorchè tre bambini sono stati investiti sulle strisce pedonali a Minerbio, davanti alla Scuola.

~ ~ ~ ~

Spett.le Sig. B. E.,
sono lieto che il piccolo Christian Jai non abbia avuto conseguenze da questo incidente, e spero che dopo l'osservazione ospedaliera sia confermata l'assenza di altri problemi.
Devo in primo luogo osservare, come sovente si dimentica, che il responsabile di un investimento sulle striscie pedonali è l'autista del mezzo che ha causato l'incidente.
Infatti l'art. 3 del codice della strada è molto chiaro al riguardo : sull' attraversamento pedonale "i pedoni in transito dall'uno all'altro lato della strada godono della precedenza rispetto ai veicoli.".
Questo ovvio principio di responsabilità giuridica, non esime ovviamente un Comune efficiente dal cercare di fare il possibile per migliorare la sicurezza stradale, come stiamo cercando di fare a Minerbio.
La ringrazio per i suoi suggerimenti per aumentare la sicurezza degli attraversamenti pedonali, in quanto i contributi dei cittadini sono sempre ben accetti, ma non vorrei che pensasse che i collaboratori comunali non vi avessero pensato e non vi stessero lavorando già da tempo.
Gli interventi che lei propone con i numeri 2 e 3 sono già stati richiesti formalmente alla Provincia di Bologna, la quale, in qualità di ente proprietario della strada ha negato l'autorizzazione (visto che lei ha l'abitudine di mettere in dubbio la parola degli amministratori pubblici, se vuole le posso far avere copia delle lettere e delle relative risposte).
Rispondo preventivamente all'obiezione sul fatto che altrove si possono trovare attraversamenti pedonali disegnati su sfondo rosso, evidenziandole che sono stati probabilmente realizzati nel vigore della vecchia normativa, oppure in assenza della prescritta autorizzazione e che in caso di incidente renderebbero corresponsabile il realizzatore dell'opera, in quanto difformi dal CdS.
Quanto invece ad attraversamenti pedonali rialzati, vorrei ricordarle che in soli 5 mesi di nuova Amministrazione abbiamo già realizzato due attraversamenti pedonali rialzati (via Giovanni XXIII e via Chiesa) e ne abbiamo programmati altri per la primavera in Vicolo stradone (cioè appena il tempo consentirà di ricominciare con le asfaltature stradali).
Vorrei però rammentarle che lei si è espresso criticamente sui lavori che hanno condotto alla realizzazione del primo dei due; sono felice però che oggi ne ravveda l'utilità.
L'intervento n. 4 è già in opera, in quanto è presente la relativa cartellonistica che chiede. Inoltre lei stesso ricorda come l'investitore sapesse bene che in quella posizione di fosse una scuola ed un relativo attraversamento pedonale.
Giudico molto inopportuno l'intervento n. 5 lungo una strada di attraversamento come la SP5 San Donato, e non credo che la Provincia mai lo autorizzarebbe.
Le faccio poi presente che lo stesso suo figlio si è lamentato sul suo blog della difficoltà di rispettare il limite dei 50 Km/h su un tratto di strada come quello in parola; ed ora ci propone di abbassare il limite a 30 Km/h ??
Io non credo che sia saggio porre limiti che poi sono impossibili da rispettare, mettendo così in difficoltà sia gli automobilisti che gli agenti di PM, poi costretti ad elevare sanzioni al limite dell'assurdo.
La zona "limite 30" si presta ad aree in cui sia presente solamente una viabilità locale (vedi ad esempio di recente via Fabbri a Bologna).
L'intervento n. 6 non è certo opportuno in centro abitato, poichè recherebbe disturbo ai residenti in zona. In altre parti del territorio comunale abbiamo provveduto alla realizzazione delle bande rumorose, ma sempre al di fuori di centri abitati.
Quanto all'intervento n. 7, è vietata la collocazione di rilevatori autovelox fissi nei centri abitati.
Come vede gli unici interventi concretamente realizzabili sono il n. 1 - impianto luminoso, il n. 8 - aumento presenza PM, ed il n. 9 - ausilio dei volontari.
Le dico fin da subito che mi sembra molto difficile attuare l'intervento 8 ; stiamo provvedendo ad assumere un nuovo vigile (che probabilmente diverranno due, visto un recente licenziamento), ma ciò non ci consentirà di avere una presenza di vigili presso tutte le scuole del territorio ed in tutti i turni di entrata ed uscita.
Il potenziamento dell'illuminazione dei passaggi pedonali è uno dei programmi di mandato che avrà ad oggetto anche via Garibaldi e via Roma.
Per non fare spese inopportune, prima di acquistare un numero consistente di fari, abbiamo ritenuto opportuno sperimentare un corpo illuminante per vederne l'effetto.
Si tratta del faro da poco installato in via Chiesa (proprio sopra uno dei passaggi pedonali rialzati di recente realizzazione).
Dato che l'effetto ci pare soddisfacente stiamo per acquistarne altri 7 per illuminare i passaggi pedonali del centro.
Il nostro programma dei lavori prevede che questi possano essere installati entro gennario.
Questo tipo di faro è poco costoso e permette di illuminare adeguatamente l'attraversamento.
Quanto infine all'intervento n. 9 stiamo lavorando affinchè nasca entro l'anno l'associazione comunale di protezione civile alla quale chiederemo, se sarà disponbile, di effettuare servizi ausiliari di viabilità, come quello di rendere più sicuro l'attraversamento davanti alle scuole, come già accade in altri comuni.
Anzi, poichè lei mi sembra interessato a queste tematiche, la invito a dare la sua disponibilità come volontario per questo tipo di servizi.
Spero di aver soddisfatto le sue richieste.
Concludo formulando la mia più viva soddisfazione perchè questo incidente non abbia avuto conseguenze più serie
La saluto
Lorenzo Minganti
..

mercoledì 2 dicembre 2009

IL SINDACO ASPETTA IL MORTO ! ! ? ?

Il seguente testo è stato inviato, a ½ mail alle seguenti persone :
Al Sindaco del Comune di Minerbio, Sig. Lorenzo Minganti
Agli Assessori Comunali competenti
Al Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Minerbio, Sig. Enio Cerè
Al Comandante del Corpo dei Carabinieri di Minerbio
Al Comandante dei Vigili Urbani del Comune di Minerbio

02 Dicembre 2009

OGGETTO : SICUREZZA STRADALE

Vi invio la presente copia del post che diffonderò sul blog :
http://minerbioeilcittadino.blogspot.com , a seguito di un grave episodio, che solo per caso, non si è trasformato in tragedia.

IL SINDACO ASPETTA IL MORTO ! ! ? ?

TRE BAMBINI SONO STATI INVESTITI DA UN’AUTO, IL 30/11/2009, ALL’USCITA DEL POST SCUOLA, SULLE STRISCE PEDONALI, A MINERBIO.

Come nella sceneggiatura di un copione già visto, si è svolta ieri a Minerbio una rappresentazione reale di una scena che ricalca le caratteristiche di uno pseudo dramma dalle tinte inquietanti.
Sì, perché dramma poteva essere, visto che tre bambini, accompagnati dalla mamma e dalla loro sorellina di 4 mesi, sono stati investiti da un’auto.
Il fattaccio è avvenuto sulle strisce pedonali all’uscita del post scuola, a Minerbio, il 30/11/2009, verso le ore 17,30 circa.
Il gruppetto familiare stava attraversando la strada, tutti mano nella mano, appunto sulle strisce, ed era già oltre la mezzeria della carreggiata, quando l’auto guidata da una persona che tra l’altro lavora a Minerbio, e quindi era a conoscenza del fatto che in quel punto ci fosse una scuola, sterzando all’ultimo momento, colpiva di striscio i bambini di sei e otto anni, passando anche con una ruota sul piede di uno di questi, e trascinando con sé il più piccolo, di 2 anni.
Il piccolino è rimasto steso in terra immobile, strappando un urlo di dolore alla mamma che, angosciata si è subito prostrata vicino a lui, mentre gli altri due, da veri ometti hanno avuto il coraggio e la determinazione di prendere il porta enfant con la sorellina dentro e di portarlo al sicuro, al ciglio della strada.
Subito è accorsa la folla, mentre il guidatore dell’auto investitrice scendendo dal mezzo, disperato, adduceva scuse del tipo : “non vi ho visti”, “mi dispiace”.
Il bambino è rimasto cosciente, parlava con la mamma, ma non si muoveva, forse per lo choc, ed è stata chiamata l’ambulanza, che lo ha portato all’Ospedale di Bentivoglio per i necessari controlli.
Sembra che, fortunatamente, e ripeto fortunatamente, non ci siano conseguenze per il piccolino, che dovrà essere tenuto, comunque, sotto osservazione per 48 ore.
I fratellini saranno sottoposti oggi ad accertamenti clinici per verificare gli ematomi, ed eventuali danni subiti al momento dell’incidente.

La mia riflessione su quanto accaduto, stante un enorme ringraziamento a qualsiasi forma di entità divina che forse ha protetto i protagonisti di questa brutta avventura, e che sono, per inciso i miei nipotini, va subito alle responsabilità insite nella vicenda.

Certamente l’investitore non è l’unico artefice, ma una serie di concause lo accompagnano, senza per altro sminuirne la sua responsabilità.
La solita frase “si poteva evitare” trova infatti in questa situazione il giusto e appropriato collocamento e l’applicazione ideale.

Nel mondo civile infatti, che è riconoscibile peraltro appena fuori dai confini di Minerbio, esiste una particolare attenzione alle problematiche del territorio, tra cui tutta una serie di accorgimenti messi in atto al proposito di evitare incresciosi accadimenti, come quello appunto, in questione.

Davanti alle Scuole ci sono impianti di illuminazione adeguati, che evidenziando la presenza di attraversamenti pedonali con potenti fasci di luce, ne permettono l’immediata individuazione anche da lontano.

Alcuni cartelli luminosi sono stati appositamente studiati per rendere evidente agli automobilisti la presenza di passaggi pedonali e trovano ampia applicazione in tutto il mondo.

E’ stata istituita a livello europeo una forma di intervento urbanistico denominata “zona trenta”, preposta alla moderazione del traffico nella viabilità urbana, che permette di canonizzare i limiti di velocità entro un massimo di 30 km orari nel suo percorso di applicazione.

Per gli automobilisti più distratti, o indisciplinati, esistono anche i famosi “rallentatori” studiati per ‘costringere’ alla moderazione della velocità tutti coloro che, invece, non siano inclini a farlo.
Solitamente andrebbero preceduti dalla presenza di “bande sonore”, la cui funzione sarebbe quella di provvedere ad informare l’automobilista in caso anche di scarsa visibilità, come nei casi di nebbia, che si è in presenza o in vicinanza di strutture come scuole, asili, o comunque di realtà che richiedono una guida attenta e moderata nella velocità.

Il primo interprete dell’attuazione di queste precauzioni, e della verifica della protezione dei cittadini, soprattutto in presenza di particolari situazioni sul territorio, come nel caso della presenza di scuole, o asili, deve essere il Sindaco, in primo luogo, e le strutture preposte all’attuazione della sicurezza che a lui fanno riferimento.
Governare una cittadina che risponda ai basilari requisiti di tutela ambientale in senso ampio, e di sicurezza stradale in particolare, dovrebbe essere per qualsiasi Primo Cittadino un fiore all’occhiello, sintomo di una simbiosi tra popolazione e istituzioni.
Ribadisco ancora una volta che il lavoro del Sindaco e degli apparati politici da noi demandati a governare il territorio, deve essere improntato a politiche che si rifanno ad una interpretazione di un ruolo, che si riconosca in una simbiosi tra cittadino e istituzioni.
A noi non interessano le battaglie partitiche, la faziosità, o le prevaricazioni di potere, ma solamente il benessere sociale, la sicurezza, la tutela dei lavoratori, l’assistenza ai meno fortunati, la realizzazione di opere di pubblica utilità, e tutto ciò che è possibile fare per raggiungere obiettivi che permettano alla comunità di vivere tranquillamente, in pace e in armonia.

Non credo che sia compito del cittadino pensare a come evitare che il fatto che attraversare sulle strisce pedonali sia un pericolo, oppure che i vigili urbani siano presenti davanti alla scuola solo in due fasce orarie, e cioè all’orario di inizio delle attività scolastiche, e al loro termine.


L’uscita dal post scuola, nella sua dimensione temporale, non è coperta dal servizio, poiché i vigili urbani sono assenti.
Forse i bambini che dovrebbero usufruirne appartengono ad una categoria di serie B…?



Si rileva quindi, inconfutabilmente, a carico del Primo Cittadino, Sig.Lorenzo Minganti, e ai suoi collaboratori, la responsabilità di :

Mancanza assoluta di strutture atte alla sicurezza dei cittadini, in particolare nei pressi dell’Istituto Comprensivo.
..
Specificatamente si evidenzia l’assoluta necessità di realizzare in tempi brevi i seguenti indispensabili provvedimenti :

1 - Impianto segnaletico luminoso, sovrastante l’attraversamento pedonale, coadiuvato da potente illuminazione
..
~ ~ ~ ~
..

2 - Realizzazione di un’isola salvagente spartitraffico, con nuova
colorazione delle strisce attuali, da solamente bianche, a bianche
e rosse.

~ ~ ~ ~


3 - Rialzo del piano viabile (attraversamento pedonale rialzato)




~ ~ ~ ~



4 - Cartellonistica segnaletica molto visibile, nel percorso precedente l’ubicazione della Scuola in entrambi i sensi di marcia.



~ ~ ~ ~


5 - Istituzione della zona 30, come misura necessaria al forte rallentamento della velocità veicolare.


~ ~ ~ ~



6 - Posa di “bande rumorose” per la segnalazione agli automobilisti di una zona di pericolo.



..
~ ~ ~ ~
7 - Attuazione di politiche di dissuasione verso gli automobilisti indisciplinati, che mettono in pericolo la vita degli altri.
A questo proposito si potrebbero installare “postazioni fisse” di autovelox.




~ ~ ~ ~



8 - Aumento della fascia oraria di protezione da parte dei vigili urbani, per l’ausilio all’attraversamento pedonale, prolungandola oltre l’attuale limite di presenza.





~ ~ ~ ~


9 - Istituzione e pubblicizzazione di iniziative rivolte al volontariato, atte all’individuazione di collaboratori alla sicurezza stradale, come già fatto da numerosi altri comuni, compreso quello di Bologna.


~ ~ ~ ~
..
Invitiamo le autorità competenti a darci immediate risposte sulla questione messa in evidenza, fermo restando che nel frattempo ci riserviamo di adire a vie legali, nell’interesse e per la tutela dei nostri figli, promuovendo anche manifestazioni di vario genere per informare i concittadini della situazione.

Vista l’importanza del problema, diffonderemo questo articolo, non solo sul blog sopracitato, ma anche tramite volantinaggi, in concomitanza di una raccolta di firme tra i concittadini, volta alla sensibilizzazione delle autorità al riguardo.

Cordiali saluti

E.B. (nonno dei bambini investiti)
S.P. e C.B. (genitori dei bimbi)
..

Speech by ReadSpeaker