Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

venerdì 19 agosto 2011

PREDICARE BENE E RAZZOLARE MALE ... ANZI, MALISSIMO !

.
Mentre Bersani, “deus ex machina” della scena politica, tuona dai banchi dell'opposizione contro le manovre del Governo, protestando perchè, a suo dire, non sono abbastanza tutelate le classi più deboli, molti parlamentari del suo stesso schieramento approfittano a piene mani di benefici che, soprattutto in un contesto di crisi economica diffusa, sono a dir poco un vero e proprio schiaffo verso quegli elettori che dicono di voler rappresentare !
.
.
E' di oggi, pur essendo storia vecchia, un articolo de “Il Resto del Carlino” che punta il dito verso alcuni personaggi della sinistra, più o meno famosi, che percepiscono una pensione d'ORO unicamente per il fatto di aver avuto anche solo una pur breve esperienza parlamentare a Montecitorio.
.
.Una parte di costoro appartengono ad uno schieramento politico che ha sempre fatto del “sociale”, dei “diritti dei lavoratori”, e delle “fasce deboli” un vero e proprio cavallo di battaglia, ergendosi come baluardo a difesa dei pensionati e dei loro diritti.
.
Oggi tutti devono lavorare circa 40 anni per poter poi usufruire di una misera pensione da fame, a meno che non si faccia parte della casta degli intoccabili, e cioè dei politici, anche quelli del PD.
.
In tale caso, non solo è sufficiente una breve esperienza parlamentare per poter disporre immediatamente dopo di un vitalizio, ma alla faccia degli elettori e dei pensionati la cifra percepita è notevole e sproporzionata.
.
Quindi, riassumendo, i politici hanno il seguente trattamento economico :
.
stipendi d'ORO, favolosi, e 10/20 volte superiori a quelli dei lavoratori dipendenti ;
.
vitalizi d'ORO, favolosi, e mediamente 5/10 volte superiori agli altri pensionati ,
.
benefit, auto blu, e fondi a loro disposizione per spese varie (rappresentanza, ecc ).
.
Facciamo ora qualche NOME, desunto dall'articolo de “Il Resto del Carlino”, sperando di non addolorare troppo i comunisti convinti e coloro che credono nelle politiche di Bersani e compagni.
.
Il seguente breve elenco dei beneficiati, tutti rigorosamente appartenenti alla Casta degli intoccabili, è naturalmente solo la punta visibile di un enorme iceberg, che naviga a tutto spiano nell'oceano dell'ingordigia e dell'avidità.
.
Indichiamo la rendita del VITALIZIO, a cui, naturalmente bisogna aggiungere le rendite come appartenenti, appunto, alla Casta, e le attività parallele che svolgono come liberi professionisti . .
.
~ ~ ~
.
ALFONSO PECORARO SCANIO, leader dei VERDI, percepisce 5.802 euro netti.
.
CESARE SALVI, senatore DS fino al 2008, percepisce 5.346 euro.
.
GINO PAOLI, cantante, ex deputato del PCI, percepisce 3.108 euro
.
LUIGI MANCONI, DS, ex viceministro della Giustizia nel Governo PRODI, percepisce 4.725 euro lordi , oltre ai 192.000 euro annui come appartenente alla Casta.
.
MAURA COSSUTTA, PARTITO DEI COMUNISTI ITALIANI, figlia di Armando, leader del PdCi, percepisce 4.725 euro lordi.
.
MASSIMO CACCIARI, ex Sindaco di Venezia, ex POTERE OPERAIO, ex PCI, ex RIFONDAZIONE COMUNISTA, percepisce 4.725 euro lordi.
.
OLIVIERO DILIBERTO, segretario dei COMUNISTI ITALIANI, ex ministro della Giustizia, 55 anni, percepisce 5.305 euro netti mensili.
.
PAOLO CIRINO POMICINO, dirigente UDC, percepisce 5.934 euro mensili.
.
PIETRO FOLENA, ex PCI - PDS, poi RIFONDAZIONE, percepisce 5.527 euro al mese.
.
TONI NEGRI, ex leader di POTERE OPERAIO, RADICALE, percepisce 2.199 euro.
.
~ ~ ~
.
.
Il 21 settembre 2010, l'Onorevole Borghesi, dell'Italia dei Valori, aveva fatto inserire nell'ordine del giorno la richiesta di soppressione dei vitalizi, ma su 525 parlamentari presenti ben 498 hanno votato contro, 5 si sono astenuti, e solamente 22 hanno votato a favore.
.
.
I numeri parlano da soli … e chi ancora vota per gli eredi dei comunisti, dovrebbe essere in grado di capire che siamo nelle mani di un branco di arraffoni, i quali succhiano il midollo di un'Italia stremata da personaggi che, per i loro interessi hanno la medesima visuale di intenti.
.
Noi andiamo in pensione a 65/67 anni, percependo una cifra di 1.000/1.500 euro o poco più ( ma anche solo 600/700) , dopo una vita di duro lavoro onesto, mentre questi PARASSITI ne prendono 5.000 o più, dopo solo 5 anni di PRESENZA.
..
Inoltre, spesso, costoro non si sognano nemmeno di partecipare all'attività parlamentare per la quale sono pagati, ma anzi, avendo contemporaneamente qualche attività parallela, interpretano il ruolo di ASSENTEISTI in parlamento per guadagnare a spese degli elettori. .
Non parliamo poi della folta schiera degli Assessorati e dei Consigli regionali, che rappresentano la ciliegina sulla torta.
.
Una torta che però a me non appare affatto dolce, ma veramente amara nella sua essenza, spudoratamente offensiva nei confronti dei cittadini, parassitaria ed iniqua, ingiusta e vergognosa, anche se chi se ne spartisce le varie fette, è ingordamente avido e mai pago di saziarsene.
...
Tutto ciò, indipendentemente dall'appartenenza politica, e nonostante i proclami che vorrebbero far credere che la sinistra si dissocia dalle politiche correnti, in un turbinio di collusioni di vertice che prevedono una tacita difesa dei privilegi raggiunti, così come spiegato diffusamente nel libro di Stella e Rizzo : “La Casta”.
.
Casta e basta ! Non più destra o sinistra, oppure operai o padroni, proletari o capitalisti ... è roba obsoleta, buona solo per vecchi nostalgici delle sorpassate ideologie ...
..
Quello che conta oggi per i politici, e lo dimostrano i fatti (gli stessi vitalizi di cui parliamo) è arraffare quanto più possibile e fingere di azzuffarsi per dare al popolo l'impressione che qualcuno, lassù, stia lavorando per lui. .
.
La complicità degli ex comunisti in questa corsa all'arraffo è tristemente palese …
.
Purtroppo per loro, però, nessuno di noi ha l'anello al naso, e prima o poi i nodi verranno al pettine …
..
Sta succedendo in molti Paesi, anche se i media ce lo tengono nascosto.
.
In Grecia, o in alcuni paesi nordici, e in Spagna... senza parlare di alcuni Paesi Arabi, come la Libia e la Siria, le folle si agitano e si ribellano, cercando giustizia e libertà, e rifiutando finalmente lo strapotere dei politici avidi e corrotti.
.
Chissà... vedremo fino a quando gli Italiani continueranno, invece, a subire.
.

Dissenso
.

martedì 16 agosto 2011

MISTERO IN VIA CANALETTO !

.
Vorrei sottoporre all'attenzione di chi legge una serie di istantanee scattate in Via Canaletto, in corrispondenza dell'area in cui, a quanto promesso molto tempo addietro dall'Amministrazione locale, avrebbe dovuto sorgere una nuova "rotonda".
.
Personalmente, ero a conoscenza di alcuni imbarazzanti "incidenti di percorso" che hanno bloccato i lavori a lungo, come per esempio il "ritrovamento" di un tubo del gas durante gli scavi.
.
L'imbarazzo, naturalmente, è dato dal fatto che, evidentemente, nessuno ha pensato a questo piccolo particolare, e cioè che proprio sotto al punto in cui si doveva scavare, ci potesse essere, guarda caso, proprio ciò che invece effettivamente hanno trovato gli addetti ai lavori.
..
Ma già, tanto, chissenefrega, mica pagano loro !
.
E poi ci vengono a dire che non ci sono soldi nelle casse del Comune ... !!
.
Ma, a parte questo inciso, scusate lo sfogo, e andiamo avanti, e cerchiamo di capire che cosa c'è, appunto, al posto della famigerata rotonda...
.
Le foto mostrano qualcosa di indefinibile, che può dare adito a diverse interpretazioni o teorie.
.
Vediamole :
.
.
Forse si tratta di un tentativo di creazione di un habitat ideale a salvaguardia della zanzara tigre, visto che l'erba alta ne rappresenta lo stereotipo ideale ... !
.
..
.
Forse siamo in presenza di un manufatto alieno, sviluppato dopo rapporti segreti con entità che a noi non è dato conoscere ... !
.
.
..
Forse si tratta di frantumi scomposti appartenenti ad una Amministrazione che cade a pezzi, e che li perde lungo la sua farneticante deambulazione ... !
.
.
.
Oppure, chissà, forse ciò che si vede rappresenta e identifica i prodromi che preludono ad una ennesima caduta di stile, che trova le sue origini nell'arroganza, nel qualunquismo e nell'assensa totale di dialogo con i cittadini ... !
.
.
.
Magari ... chissà ... l'inadeguatezza di ciò che si presenta davanti agli occhi di tutti, non è altro che un alter ego materiale del suo originale progenitore, e cioè il modus operandi insito nel flemmatico programma di chi, evidentemente, ha a cuore solo la ricerca di una stucchevole esposizione mediatica, a scapito dei suoi stessi elettori ... !
.
.

.
Forse questo insieme squallido di alte sterpaglie e di calcinacci, interpretano un tentativo di affossare le proprie responsabilità, imputando ad altri ( il Governo ) l'insufficienza dimostrata, magari a causa della mancanza di liquidità, a causa dei "tagli" ...
.
Forse tutto ciò non è altro che un clone di mille altri insuccessi sul campo, e si presenta ai Cittadini minerbiesi in rappresentanza di ciò che che viene fatto male, o che non viene affatto preso in considerazione, mentre lo dovrebbe essere, come ad esempio :
.
le barriere architettoniche, che soffocano ignobilmente Minerbio, obbligando i diversamente abili in carrozzella a transitare solo lungo i percorsi "studiati" appositamente per loro dall'Amministrazione ;
.
l'amianto, presente in diverse strutture comunali, di cui il Sindaco è a conoscenza, ma che sembra essere una priorità, nonostante la sua pericolosità per la salute dei cittadini ;
.
l'assoluta mancanza di politiche di risparmio energetico ( non esiste nemmeno un pannello solare "pubblico" a Minerbio ) , ma in compenso abbiamo lampade ai vapori di mercurio inquinanti e costose ;
.
le pensiline alle fermate degli autobus, promesse dal Sindaco in persona l'anno scorso, sono oramai una chimera, a cui gli utenti del mezzo pubblico guardano con nostalgia e disillusione ;
.
In tutto questo marasma di incompletezze, di mancanze, di promesse non mantenute, di disinteresse diffuso dell'Amministrazione verso tematiche che dovrebbero essere invece una priorità, spicca ora anche il misterioso manufatto evidenziato dalle fotografie sopra mostrate ....
.
... Invitiamo quindi chiunque sia in grado di dare qualche risposta sulla sua origine ... o che possa formulare teorie inerenti alla sua presenza...è ben accetto ... !
.
Dissenso

ETERNIT A MINERBIO, UNA STORIA INFINITA...

E' di qualche giorno fa, la notizia apparsa sul Carlino, (propinataci dal solito giornalaio di corte che si occupa di Minerbio) che ci informava del fatto che finalmente, a Minerbio (Spettoleria) venivano smaltiti manufatti in eternit.
Ma è proprio così?
In realtà l'amministrazione voleva smantellare dei piccoli garage costruiti abusivamente vicino agli orti di Spettoleria che fungevano da pollai e casette per gli attrezzi.
La coincidenza ha voluto che mentre si accingevano a demolirle si sono accorti che i tetti di questi manufatti erano in eternit.
Quindi sono stati obbligati  a procedere alla demolizione secondo quanto prevede la normativa in merito alla rimozione dell'eternit/amianto.
Il solito giornalista sotto la solita dettatura ha voluto spacciare l'opera dell'amministrazione come un'azione mirata alla rimozione dell'eternit/amianto, quando in realtà così non è stato.

Questo l'articolo apparso sul quotidiano: 

Sotto potete leggere le dichiarazioni rilasciate dal vostro amministratore, e messe in evidenza nell'articolo:
.
.Inoltre:
.
.
E ancora:
.

.
Si possono leggere inoltre dichiarazioni sul famoso social network facebook:
.


.
A QUESTO PUNTO VOGLIAMO, PER L'ENNESIMA VOLTA, RIVOLGERE UNA DOMANDA A CHI CI AMMINISTRA: 
PERCHE'  NEL NOSTRO COMUNE PERMANGONO, NONOSTANTE LE NOSTRE CONTINUE SEGNALAZIONI, MANUFATTI ABUSIVI CON TETTO IN ETERNIT (ex scuola di S.Martino di Soverzano), E ADDIRITTURA ACCANTO ALLA PORTA D'ACCESSO AL COMUNE (nel retro) OLTRE CHE NEGLI SPOGLIATOI DEL CAMPO SPORTIVO DI CA' DE FABBRI (a pochi metri dalla scuola elementare)???!!!

Queste sotto sono le foto:

TETTO IN ETERNIT IN CAPANNO ABUSIVO 
NELLA EX SCUOLA DI S.MARTINO DI SOVERZANO.
(Il vostro amministratore indica i buchi nel tetto e nega la pericolosità)
.
.
Le dichiarazioni mezzo stampa:
«L’eternit è pericoloso se si sgretola, ma non mi sembra questo il caso. 
Inoltre siamo in un  contesto isolato in mezzo alla campagna»
Clicca QUI per leggere l'intero articolo


.
PORTA D'ACCESSO AL COMUNE
.
.
Era stato promesso dall'amministrazione, 
in un incontro con i sottoscritti, 
che sarebbe stato presto rimosso.
Stiamo ancora aspettando!!

.

SPOGLIATOI CAMPO SPORTIVO DI CA' DE FABBRI
.
.
Era stato promesso dall'amministrazione, 
in un incontro con i sottoscritti, 
che sarebbe stato presto rimosso.
Stiamo ancora aspettando!!

.
ORA STA A VOI GIUDICARE!!
.

BARRIERE ARCHITETTONICHE - ANCORA UN OBIETTIVO RAGGIUNTO.




.
Nonostante le nostre segnalazioni siano state spesso derise e negate (anche davanti all'evidenza dei fatti!), l'attuale  amministrazione, probabilmente anche in seguito alle nostre denunce mediatiche (e non solo!), piano piano (molto piano!!) e sotto sotto, alla chetichella (quasi vergognandosi per non averle tolte prima!!), sta cercando di abbattere tutte quelle barriere architettoniche da noi segnalate e denunciate.
Vogliamo però ricordare a chi ci amministra che c'è ancora tanto lavoro da fare, troppo, e di questo passo non ne arriveremo mai alla fine. 
Sarebbe già un buon risultato se venissero abbattute quelle vergognose barriere che si trovano nel palazzo comunale, alla scuola elementare, nella piazza del paese, e a Ca' de Fabbri, da noi segnalate più volte e da loro, inspiegabilmente negate...
Alcune foto per rinfraescare la memoria a chi ci amministra:

PORTA ENTRATA COMUNE 
(si apre a spinta, dovrebbe essere ad apertura automatica)
.

.
PORTA RETRO COMUNE 
(Si apre a spinta, non in modo automatico, e c'è un gradino)
.

.
STRISCE PEDONALI DAVANTI AL COMUNE 
(C'è un gradino insormontabile e una colonna)
.

.
 UFFICIO TECNICO COMUNE 
(Doppio gradino)
.

.
 PIAZZA MONUMENTO AI CADUTI
(Un gradino impedisce l'accesso alle fontanelle della piazzetta)
.

MENSA, PRE-POST SCUOLA ELEMENTARE
(Una scalinata insormontabile)
.

.
NUOVI MARCIAPIEDI DI CA' DE FABBRI
(Tutte le strisce pedonali si "scontrano" con dei vergognosi gradini)
.

.
PER LEGGERE TUTTE LE ALTRE NOSTRE SEGNALAZIONI,
LE NOSTRE DENUNCE E LE NOSTRE BATTAGLIE, 
CONTRO LE BARRIERE ARCHITETTONICHE
CLICCATE QUI 

.


sabato 13 agosto 2011

... segue da ... LISTA INDAGATI PD

.
...proseguimento lista indagati dal post :
.
http://www.lavocedelcittadino.com/2011/08/gli-scheletri-nellarmadio-del-pd.html
.

LEGENDA :

P = condannato o patteggiamento
A = arrestato
I = indagato
R = rinviato a giudizio o imputato
.
~ ~ ~
.

CALABRIA ( 4 politici PD )
.
Adamo Nicola, ex vicepresidente della Giunta regionale :
associazione per delinquere, falso e abuso d'ufficio, concussione. R
.
Loiero Agazio, ex governatore regionale :
associazione per delinquere, falso e abuso d'ufficio. R I
.
Mercurio Giuseppe, ex capogruppo al Comune di Crotone :
4 anni per voto di scambio. P
.
Ruffolo Pietro, assessore comunale di Cosenza :
associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al riciclaggio. Arrestato per detenzione abusiva di armi. A I
.
~ ~ ~
.
VENETO ( 2 politici PD )
.
Cambruzzi Tullio, tesserato PD e manager pubblico :
corruzione, ha patteggiato 2 anni. P
.
Tsuroplis Statis, imprenditore iscritto al partito ed ex consigliere del sindaco di Venezia :
1 anno e 9 mesi per corruzione. P
.
~ ~ ~
.
LAZIO ( 5 politici )
.
Marrazzo Piero, ex presidente della Regione Lazio :
dimessosi dopo una vicenda di cocaina e trans. I
.
Milana Guido, eurodeputato ed ex Presidente del Consiglio regionale :
truffa, falso e indebita percezione di erogazioni pubbliche. I
.
Napoli Valdo, ex assessore all'Ambiente di Montefiascone :
corruzione. R
.
Posa Francesco Paolo, ex sindaco di Frascati e consigliere provinciale :
truffa, falso e indebita percezione di erogazioni pubbliche. I R
.
Ruggeri Ruggero, consigliere provinciale :
truffa, falso e indebita percezione di erogazioni pubbliche. I
.
~ ~ ~
.
CAMPANIA ( 13 politici PD )
.
Bassolino Antonio, ex presidente della Regione :
epidemia colposa e omissione d'atti d'ufficio, sotto processo per truffa aggravata ai danni dello Stato e frodi in pubbliche forniture e per peculato. R I
.
Cimitile Aniello, presidente della Provincia di Benevento :
falso. I
.
Cinque Antonio, ex consigliere comunale di Castellammare di Stabia :
truffa ai danni dello Stato e concorso in falso. R
.
Corrado Gabriele, consigliere regionale ed ex assessore  regionale :
4 anni e 3 mesi per PEDOFILIA. P
.
De Luca Vincenzo, ex senatore e sindaco di Salerno :
abuso d'ufficio, concussione, associazione per delinquere finalizzata a truffa e falso.  I R
.
Fabozzi Enrico, sindaco Villa Literno :
concorso esterno in associazione mafiosa. I
.
Iervolino Rosa Russo, ex sindaco di Napoli :
epidemia colposa e omissione in atti d'ufficio. I
.
Lettieri Andrea, ex sindaco di Gricignano d'Aversa (Caserta) :
concorsoesterno in associazione mafiosa. I
.
Longobardi Nino, ex consigliere comunale di Castellammare di Stabia :
truffa ai danni dello Stato e concorso in falso. R
.
Nastelli Carlo, ex consigliere comunale di Castellammare di Stabia :
tentata estorsione, truffa ai danni dello Stato e concorso in falso. I
.
Russo Giuseppe, consigliere regionale :
truffa. I
.
Solano Fabio, componente direttivo cittadino PD di Benevento :
truffa. A I
.
~ ~ ~
.
SARDEGNA ( 3 politici PD )
.
Deriu Roberto, presidente Provincia di Nuoro :
abuso d'ufficio. I
.
Milia Graziano, presidente Provincia di Cagliari :
1 anno e 4 mesi per abuso d'ufficio. P
.
Soru Renato, ex presidente Regione, consigliere regionale e membro della segreteria nazionale :
aggiotaggio, assolto in primo grado per abuso d'ufficio e turbativa d'asta. I
.
~ ~ ~
.
Dissenso
.

venerdì 12 agosto 2011

GLI SCHELETRI NELL'ARMADIO DEL PD

.
Mentre una vasta schiera dei rappresentanti della “casta” si dedica alla propria attività preferita, e cioè il ricorso alla bustarella, la concussione, la corruzione, il malaffare, e tutto ciò che di illecito si può loro presentare loro davanti, altri personaggi del mondo della politica, nel frattempo, che fino ad ieri si ergevano quali paladini senza macchia e come baluardo di un'Italia onesta, diventano interpreti dello stesso modus operandi, rientrando a pieno titolo nella grande ammucchiata dei disonesti, dei ladri, e di coloro che approfittando della buona fede di chi li ha eletti, hanno cercato profitti illegali e scorciatoie di comodo.
.
Tra coloro che, appunto, hanno tuonato contro le file dei personaggi berlusconiani del malaffare, e che si sono proposti all'attenzione dell'elettorato come alternativa di governo, si ergono i politici del PD, e coloro che ruotano intorno all'orbita del PD stesso.
.
Umanamente, è possibile che tra tanta rettitudine sbandierata si possa annidare una mela marcia, come vuole farci credere la Direzione degli eredi di Togliatti, ma il tentativo di palesarsi come esempio di Partito probo e retto, si frantuma contro una diversa realtà dei fatti, che nulla ha da invidiare a quella dei loro antagonisti del PD meno ELLE.
.
Infatti, sempre più a macchia d'olio si estende la lista degli ex comunisti che hanno a che fare con la Giustizia per reati che vanno dall'interesse privato in atti d'ufficio, fino alla vera e propria corruzione, passando per l'associazione a delinquere, o peggio.
..
Non si tratta quindi di una singola mela marcia, come Bersani vorrebbe far credere nei suoi roboanti proclami attraverso il mezzo televisivo, ma di una vera e propria tendenza a delinquere che, fagocitando l'universo politico, non ha risparmiato neanche la presunta “purezza” del PD, ma che anzi sembra aver trovato terreno fertile nella sua omogenea dilatazione.
.
Per rendere più chiaro il concetto, elenco di seguito una lista di questi personaggi, per i reati dei quali si tenta spesso un accostamento di tipo “veniale” o di totale inconsistenza, come a voler nasconderne la responsabilità, ma di cui invece sono evidenti e precise le responsabilità penali.

Da un lato, quindi, vengono proposti agli elettori i cavalieri senza macchia e senza paura, pubblicizzati come paladini di un sistema che necessita di una simbiosi con la parte sana di una Nazione che non può prescindere dallo sceglierli, mentre dall'altro abbiamo una ben diversa e triste realtà, che accomuna questi “eroi” alla parte meno nobile della “società”, quella che esprime personaggi loschi e individui corrotti, e che, fino al momento in cui vengono smascherati , interpretano il ruolo dei paladini.

Lascio a chi legge il compito di giudicare se l'elenco seguente differisca da quello delle schiere di indagati del PD meno ELLE.

Lascio a chi legge l'onere del sentimento il disgusto verso quei politici che, pur strapagati, non contenti, sputano sugli elettori, rendendosi autori di reati che li identificano e li consegnano ai posteri come personaggi biechi e disonesti, falsi e ingordamente avidi.
.
~ ~ ~
...
ACCADE CHE :
..
Nel mese di Marzo, il deputato regionale siciliano del PD, Gaspare Vitrano, avvocato di 49 anni, è stato arrestato dalla polizia di Palermo con l’accusa di concussione, mentre intascava una mazzetta.
.
Secondo la Procura, Vitrano aveva appena chiesto una mazzetta ad un imprenditore per la realizzazione di un impianto fotovoltaico.
.

Al momento dell’arresto, in flagranza di reato, aveva con sé 10mila euro in contante, che secondo la polizia avrebbero costituito, appunto, la tangente appena ricevuta dall’imprenditore....
... ~ ~ ~
.
Nel Luglio 2011 il vice presidente del Consiglio regionale lombardo, Filippo Penati (PD), è indagato per concussione e corruzione in un'inchiesta della Procura della Repubblica di Monza riguardante l'area ex Falck di Sesto San Giovanni.
.
L'accusa rivolta a Penati, che tra l'altro è il braccio destro del leader del PD Pierluigi Bersani, è quella di aver intascato tangenti per 4 miliardi di vecchie Lire tra il 2001 e il 2003.
.
Avrebbe costituito, allo scopo, alcune società intestate a prestanomi, ai quali sarebbero stati versati nel tempo i pagamenti.
.
~ ~ ~
.
Flavio Delbono, ex Sindaco di Bologna, nel 2010 è stato indagato per reati come peculato, truffa aggravata ed abuso d'ufficio, in relazione al periodo in cui ricopriva la carica vicepresidente della Regione Emilia Romagna.
.
Ad un anno esatto di distanza, per uno dei due filoni d'inchiesta nati dalla vicenda, Delbono è stato condannato alla pena, patteggiata, di 19 mesi di reclusione per peculato, truffa aggravata, intralcio alla giustizia e induzione a rilasciare false dichiarazioni.
.
Essendo la pena inferiore ai tre anni, a Delbono si è risparmiata l'interdizione dai pubblici uffici, che lo avrebbe obbligato a lasciare l'incarico all'università, dove insegna alla facoltà di Economia.
..
All'ex sindaco di Bologna viene anche contestata, in un altro filone d'inchiesta ancora aperto, anche l'ipotesi di corruzione.
.
.~ ~ ~
...
Nel 2009, Alberto Ravaioli, ex Sindaco di Rimini, Primario di Oncologia nell'Ospedale della cittadina, ed esponente PD, è stato indagato per concorso in truffa e falso.
...
All'epoca dei fatti, ricopriva il ruolo di Sindaco come eletto nella coalizione dell'Ulivo (DS).
.
Ravaioli è stato coinvolto nell'indagine su una colossale truffa da oltre 1 milione di euro ai danni del Servizio Sanitario.
.
Il sindaco riminese Alberto Ravaioli è stato denunciato anche per ingiurie da Donatella Di Pietro, una cuoca 49enne calabrese.
...
La donna lo ha denunciato dopo che si è sentita offesa dal primo cittadino che l'avrebbe insultata con queste parole : "Tornatene al tuo paese, terrona, tornatene in mezzo ai tuoi mafiosi".
.
.~ ~ ~
...
Ora, per meglio confutare le mie argomentazioni, e perchè non vi sia dubbio alcuno sulle nefandezze che i comunisti del PD riescono a perpetrare, nonostante la loro artificiosa aura di purezza, costruita a tavolino, falsificando la realtà, come hanno fatto anche a proposito della figura di Togliatti (che definiscono “Il Migliore”) o delle morti innocenti di cui si è macchiato il comunismo fino ad oggi, vi propongo una lista di PDessini che hanno avuto o che hanno tuttora a che fare con la Giustizia.
.
Per i “compagni “ sotto elencati, raggruppati per Regione di appartenenza, indico il tipo di rapporto con la magistratura, e cioè se sono (o se sono stati) indagati, arrestati, o rinviati a giudizio, condannati, o se hanno patteggiato la pena.
.
~ ~ ~
.
Legenda :
.
P = condannato e patteggiamento
A = arrestato
I = indagato
R = rinviato a giudizio o imputato
.
~ ~ ~
..
Piemonte ( 7 politici PD )
.
Andrea Oddone, sindaco di Ovada :
omicidio colposo. R
.
Catizone Giuseppe, sindaco di Nichelino :
abuso edilizio. I
..
Cressano Michele, consigliere comunale a Vercelli :
falso ideologico e abuso d’ufficio. R
..
De Amicis Franco, ex segretario PD Basso Canavese :
bancarotta fraudolenta. I
.
La Ganga Giusi , candidato alle ultime elezioni comunali del PD :
20 mesi di reclusione e multa di 500 milioni di lire per finanziamento illecito ai partiti. P
.
Tenace Antonio, assessore della Provincia di Novara :
2 mesi e 20 giorni per violazione del segreto d’ufficio. P
.
Valentino Bartolomeo, ex assessore di Collegno (Torino) :
ha patteggiato 2 anni per concussione. A P
.
.~ ~ ~
.
Liguria ( 8 politici PD )
.
Bonanini Franco, presidente del Parco delle Cinque Terre e parlamentare europeo :
truffa e associazione a delinquere. A
..
Casagrande Massimo, ex consigliere comunale di Genova :
1 anno e 6 mesi per corruzione. P
..
Cassini Giancarlo,
assessore regionale all’Agricoltura :

associazione a delinquere, corruzione e altri reati. I.
.
Drocchi Roberto, funzionario, ex candidato di Savona :
truffa continuata e falso in atti pubblici. A

Fedrazzoni Claudio, ex consigliere comunale di Genova :
1 anno e 6 mesi per turbativa d’asta. P.
....
Francesca Stefano, ex portavoce del sindaco di Genova :
1 anno e 4 mesi per corruzione. P.
Pronzato Franco, ex consigliere di Claudio Burlando e Bersani : corruzione. A
Vattuone Vito, consigliere regionale : associazione per delinquere, corruzione e altri reati. I
.~ ~ ~
Lombardia ( 2 politici PD )
Butturini Tiziano, ex sindaco di Trezzano sul Naviglio :
2 anni e 5 mesi per corruzione. A
.
Penati Filippo, ex presidente della Provincia di Milano :
corruzione, concussione e finanziamento illecito. I
.~ ~ ~
Emilia-Romagna ( 10 politici PD )
Bonaccini Stefano, segretario regionale :
turbata libertà degli incanti, abuso d'ufficio. I

Caldana Alberto, ex assessore PD della Provincia di Modena :
peculato. I
.
Delbono Flavio, ex sindaco di Bologna :
1 anno e 7 mesi per truffa aggravata, peculato, intralcio alla giustizia. P I
.
Dradi Gianluca, ex assessore di Ravenna :
falso in bilancio. I
.
Ghirardelli Cinzia, membro coordinamento provinciale PD Ravenna :
falso in bilancio. I
.
Marchesini Nerio, attivista :
trasferimento fraudolento di valori di una ‘ndrina calabrese. I
.
Marucci Cesare, ex consigliere comunale di Ravenna :
falso in bilancio. I
.
Preda Aldo, ex senatore :
falso in bilancio. I
.
Ralenti Luigi , sindaco PD di Serramazzoni (Modena) :
corruzione e turbativa d’asta. I
.
Ravaioli Alberto, ex sindaco DS di Rimini :
abuso d’ufficio, concorso in truffa e falso. I
.
.~ ~ ~
.
Toscana ( 15 politici PD )
.
Agnorelli Fabrizio, sindaco di Piancastagnaio (Siena) :
truffa aggravata e falso. I
..
Biagi Gianni, ex assessore all’Urbanistica di Firenze :
corruzione. I
.
Chiavacci Antonella, ex sindaco di Montespertoli :
omissione di controllo. I
.
Cioni Graziano, ex assessore di Firenze :
corruzione e violenza privata. I
.
Cocchi Paolo, ex assessore regionale :
abuso d’ufficio. I
.
Formigli Alberto,
ex capogruppo in comune a Firenze :associazione per delinquere, corruzione e altri reati. R......
Giovannini Daniele, ex assessore comunale di Barberino del Mugello :
abuso d'ufficio. I
..
Guerrini Giovanni, consigliere comunale di Barberino del Mugello :
falso ideologico. I
.
Lotti Alberto, ex vicesindaco di Barberino del mugello :
corruzione e abuso d'ufficio. I
.
Luchi Gian Piero, es sindaco di Barberino del Mugello :
abuso d'ufficio. I
.
Morini Marzio Flavio, sindaco di Scansano (Grosseto) :
corruzione. I
..
Neri Fabrizio, ex sindaco di Massa-Carrara :
abuso d'ufficio. R
.
Parrini Gianluca, consigliere regionale :
abuso d'ufficio. I
.
Scino Salvatore, vicepresidente del consiglio comunale :
falso ideologico. R
.
Vignini Andrea, sindaco di Cortona (Arezzo) :
abuso d'ufficio. I
.
.~ ~ ~
.
Abruzzo ( 7 politici PD )
.
Boschetti Antonio, ex assessore regionale alle Attività produttive :
associazione per delinquere, concussione e altri reati. R
.
Cesarone Camillo, ex capogruppo alla regione :
associazione per delinquere, concussione e corruzione. R
.
Cialente Massimo, sindaco dell'Aquila :
rifiuto in atti d'ufficio. I
.
D’Alfonso Luciano, ex sindaco di Pescara :
4 mesi per abuso d’ufficio. P
.
Del Turco Ottaviano, ex presidente della regione :
associazione per delinquere, concussione, corruzione e altri reati. R
..
Mazzocca Bernardo, ex assessore regionale alla Sanità :
associazione per delinquere, concussione e abuso d’ufficio. R
..
Ranieri Fabio, consigliere comunale dell’Aquila :
truffa. I
.
~ ~ ~
.
Basilicata ( 4 politici PD )
.
De Franchi Prospero, ex presidente del consiglio regionale : rinviato a giudizio per falso e truffa. R 
..
Montesano Nicola, consigliere comunale di Policoro (Matera) :
indagato per falso e turbativa d'asta. I
.
RobortellaPasqualeconsigliere regionale e sindaco di San Martino d’Agri :
rinviato a giudizio  per truffa ai danni dell’Ue. R
..
Stella Franco, presidente Provincia Matera :
indagato per abuso d’ufficio. I
.
.~ ~ ~
.
Sicilia ( 7 politici PD )
.
Galvagno Elio, consigliere regionale :
falso in bilancio. I
..
Gambino Vittorio, funzionario :
falso in atto pubblico. P
..
Palermo Giuseppe, funzionario :
falso in atto pubblico. P
.
Picciolo Giuseppe, deputato regionale :
calunnia. I
.
Termine Salvatore, consigliere regionale :
falso in bilancio. I
.
Vitrano Gaspare, deputato regionale :
concussione. A
.
Vladimiro Crisafulli, senatore :
falso in bilancio, abuso d'ufficio. I
.
.~ ~ ~
.
Umbria  ( 7 politici PD )

Barberini Luca, consigliere regionale :
peculato. I
..
Brega Eros, presidente del consiglio regionale :
peculato e concussione. I
..
Lorenzetti Maria Rita, ex presidente della regione :
abuso d'ufficio. I
...
Misnetti Nando, sindaco di Foligno :
peculato.I Porrazzini Giacomo
.
Porrazzini Giacomo, ex sindaco di terni ed ex deputato europeo :
disastro ambientale e truffa. R
.
Rosi Maurizio ex assessore regionale alla Sanità :
abuso d'ufficio. I

.
Santoni Sandra, ex capo di gabinetto di Lorenzetti :
peculato. I
.

~ ~ ~
.
Marche  ( 1 politico PD )
.
Sturani Fabio, ex sindaco di Ancona :
1 anno e 9 mesi e interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, per concussione.  P
.

~ ~ ~
.
Puglia  ( 7 politici PD )..

De Caro Antonio, capogruppo al consiglio regionale ed ex assessore di Bari alla Mobilità e al traffico :
tentativo di abuso d'ufficio. I .
 .
Fasano Flavio, ex sindaco di Gallipoli (Lecce) ed ex assessore provinciale ai Lavori pubblici :
2  anni per falso, rinviato a giudizio per turbativa d'asta. R P
.
Frisullo Sandro, ex vicepresidente della Regione :
associazione a delinquere e turbativa d'asta. A I
..
Gatti Domenico, sindaco di Modugno (Bari) :
falso ideologico. I
.


Mazzarano Michele, ex segretario organizzativo del partito :
finanziamento illecito ai partiti. I
.
Schiraldi Adolfo, ex presidente consiglio comunale di Triggiano (Bari) :
concussione. I
.
Tedesco Alberto , senatore :
associazione per delinquere, corruzione, concussione, turbativa d'asta, abuso d'ufficio e falso. I
.
Sono più che certo che questa lista di gentaglia ingorda e corrotta continuerà ad allungarsi, poichè l'avidità senza fine di molti dei nostri politici non raggiunge mai livelli di sazietà, nonostante i trattamenti economici e principeschi di cui ognuno di loro può godere.
.
Le famiglie faticano ad arrivare a fine mese, e la crisi incombente ora ci costringe a subire delle restrizioni inaudite..
La pensione è sempre più un lontano miraggio, e la sicurezza del lavoro è una lontana chimera che si perde nella notte dei tempi, ma costoro continuano imperterriti a fagocitare stipendi da nababbi, pensioni d'oro, benefit, auto blu, e chi più ne ha più ne metta.
.
A me personalmente fanno SCHIFO, e se potessi li andrei a prendere personalmente "per il cravattino", e li consegnerei ad un tribunale del popolo, come al tempo della "Rivoluzione francese".
.
Ho già affermato più di una volta che se fossimo nell' anno 1789 molti di questi parassiti sarebbero certamente ghigliottinati, ma ora in tempi di "democrazia" (anche se fittizia) ciò non può accadere... ed ecco che, sapendolo, come un'orda di topi di fogna famelici costoro si abbuffano al Paese di Bengodi, sicuri dell'impunità.
.
Quando vengono arrestati molti di loro ridono apertamente, in spregio alle istituzioni stesse, e a quei padri di famiglia che, invece, lavorano duramente e onestamente per tirare avanti.
.
In alternativa alla ghigliottina, io avrei una soluzione  :
DATELI AL POPOLO !
.
Dissenso






Speech by ReadSpeaker