Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

sabato 24 ottobre 2009

ORTI SCOLASTICI a Minerbio

.
Risponde l'Assessore alla Scuola.

Finalmente dopo un mese di attesa, l’Amministrazione pubblica ci ha onorati di un cortese riscontro per quanto riguarda la nostra proposta a sviluppare una iniziativa, denominata ‘School garden’, nell’istituto comprensivo di Minerbio.

La risposta arriva per mano di Roberta Bonori, l’Assessore alla Scuola del nostro Comune.
In una lapidaria considerazione sullo spessore della proposta, si afferma che il Piano dell’Offerta Formativa relativo all’anno scolastico corrente è già stato redatto, stabilito, e presentato.
Si precisa inoltre che, fermo restando che bisognerà attendere l’anno prossimo, ne daranno comunicazione all’Istituto comprensorio in oggetto.

Quindi, in parole povere, mi si viene a dire che
è troppo tardi, nonostante io abbia segnalato questa possibilità di aderire ad una tale iniziativa nella mia mail del 19 settembre 2009, e cioè di quasi un mese addietro.
Il caso poi vuole che, per coincidenza, oggi io legga sulle pagine de ‘Il Resto del Carlino’, a pagina 34, uno speciale su Minerbio…
L’articolo, di Matteo Radogna, pone in evidenza un appuntamento per domani, a Cà de Fabbri, relativo alla cerimonia di posa della prima pietra per la realizzazione di un’opera di interesse sociale.

Si tratta della
costruzione della nuova scuola materna.

La struttura, che verrà edificata entro la fine del 2011, sarà eretta secondo le intenzioni dichiarate, seguendo criteri di biocompatibilità, cioè con tecniche costruttive e materiali rispettosi dell’ambiente.
Il riscaldamento
sarà autonomo e svincolato da esigenze classiche di rifornimento, come il metano o il gpl, visto che sono previste pompe geotermiche che catturano il calore dal sottosuolo.
L’opera è meritoria di plauso, e degna di considerazione e di indubbio apprezzamento, e di questo dobbiamo dare atto ai nostri amministratori, anche se, a dire il vero, una scuola c'era già a Cà de Fabbri.
Tra l’altro, sono previsti spazi verdi, destinati non solo al gioco, ma anche ad un futuro orto didattico.
Alla lettura di questa notizia, mi sono ‘cadute le braccia’…
Il motivo è semplice…non certo tanto perché sia contrario a questa iniziativa…ma in quanto io stesso abbia proposto la stessa cosa per la scuola di Minerbio.
Ora, mi sorge il dubbio che si tratti di propaganda elettorale…

di bei propositi esibiti come lasciapassare per una manovra di speculazione propagandistica, in vista delle prossime elezioni amministrative regionali, che si terranno a Marzo 2010.
Non si spiega altrimenti il perché si offra un progetto sulla carta (gli orti scolastici) che, se tutto va bene, vedrà la luce tra un paio di anni, a Cà de Fabbri, e non ci si adoperi per la stessa idea progettuale realizzabile subito a Minerbio, peraltro richiesta anche dei cittadini stessi.
Se l’orientamento politico è improntato verso orizzonti di sviluppo che comprendano una maggiore attenzione per le tematiche ambientali, e se tale linea di pensiero deve giustamente essere didatticamente estrinsecata attraverso iniziative come, ad esempio, la realizzazione di orti scolastici, e non solo, perché allora prometterne l’esecuzione procrastinata nel tempo, mentre invece sarebbe immediatamente realizzabile..?

Mi risulta che l’attenzione a questa iniziativa, proposta a Minerbio da una mamma, che si è fatta carico di seguirne l’evoluzione, parlandone con le maestre e con il preside, si sia rivelata degna di considerazione.
Sembra non ci siano ostacoli alla realizzazione del progetto, tranne che per i tempi, come anche dichiarato dall’Assessore alla Scuola Roberta Bonori.

Ma allora mi chiedo, e insisto su questo aspetto della questione, perché si sia aspettato fino a che il POF fosse chiuso, mentre per Cà de Fabbri ci sia già questa volontà di fare, addirittura con due anni di anticipo ?
Manifestare una volontà costruttiva è sintomo di interpretazione della sua effettuazione, e segnale di attivismo non solo ideologico…ecco perché sospetto di mera pubblicità elettorale, proprio per il fatto che qui non si sia manifestato proprio niente.
Manderò copia di questo post all’Assessore, sperando che mi risponda, per chiarire un dubbio che, sono certo, attanaglia anche molti altri miei concittadini.
Comunque, una cosa è certa…ed è che anche per quest’anno la latitanza delle istituzioni continua a riflettersi sui cittadini, ignorando le loro aspettative e le loro necessità di interloquire con coloro che sono stati messi da essi stessi ad amministrare il territorio.Di iniziative ce ne sono tante da proporre, e lo faremo…lanciando le proposte nel vuoto, attraverso il blog, sperando che siano raccolte da coloro che, amando Minerbio, si attivino anche solo per una discussione formale sull’argomento…cosa che finora ci è negata da chi dovrebbe istituzionalmente farlo.
..
Per leggere la lettera clicca QUI
..

Speech by ReadSpeaker