Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

domenica 8 gennaio 2012

FUORI IL PD DALLO SPORT DEI NOSTRI FIGLI

Alla fine è successo : i bambini del calcio a Minerbio sono diventati a tutti gli effetti uno strumento nelle mani del PD locale, complice la mancanza di quel diniego che la società sportiva "Amica Juventus   academy" avrebbe potuto opporre ai corteggiamenti della politica.
.
.
I dirigenti della società sportiva a cui abbiamo affidato i nostri figli sono quindi caduti nel tranello del PD locale, affascinati da proposizioni utilitaristiche, e da riscontri di tipo economico.
.
Infatti i bambini sono stati portati, per la cena annuale, all'interno del capannone PD a Cà de Fabbri.
.
La domanda sorge spontanea : se il capannone PD fosse appartenuto invece, ad un gruppo neonazista, sarebbe stato ugualmente appetibile ?
.
Noi riteniamo estremamente importante che la politica, di destra o di sinistra, rimanga al di fuori dell'ambiente sportivo, e che le immagini e le simbologie di partito non vengano affiancate ad un percorso di formazione dei nostri giovani atleti.
.
La manipolazione politica, subdola e invasiva, passa anche attraverso questi tentativi vergognosi di rendere simbiotica la prosecuzione di attività, come quella sportiva, che non dovrebbero appartenere alle sfere di influenza partitica.
.
Ci chiediamo se la Dirigenza di Amica si renda conto che l'aver dato spazio a questo connubio sport-politica rappresenti un fatto gravissimo, soprattutto perchè coinvolge i nostri bambini.
.
In alternativa, è l'istituzione comunale, pubblica, che dovrebbe costituire il riferimento, insieme agli sponsor, per eventuali sviluppi e progettualità del settore sportivo comunale.
.
L'amministrazione comunale dovrebbe essere il mentore a cui guardare con fiducia, ed il mezzo attraverso cui poter offrire ai bambini un percorso disgiunto da proposizioni di partito.
.
Il Governo del Comune è legato alle elezioni, ed è quindi suscettibile di cambiamenti ( che tra l'altro auspichiamo ), mentre l'istituzione in quanto tale rimane graniticamente presente e costante nel tempo.
.
Mi domando allora, come mai, nel recente passato, a Minerbio, l'Amministrazione vigente abbia elargito ben 50.000 euro al “Bullone”, mentre solamente 38.000 euro siano stati dirottati alle attività sportive di Amica ?
.
Come mai non vengono MAI forniti gli spazi comunali, come quelli dei magazzini comunali, a fronte di eventi come quello della cena dei bambini ?
...
.
Forse perchè così, in questo modo, la dirigenza di Amica è “costretta” ad accettare gli spazi generosamente offerti dal PD ?
.
Mi risulta che questo modus operandi sia del tutto simile, se non uguale, a quello che trova ampia corrispondenza nelle politiche comuniste dei Paesi dell'est, nei quali ogni cosa è fagocitata da un comunismo vorace e assolutista.
.
Complimenti !!
.
Complimenti all'Amministrazione comunale, e complimenti alla Dirigenza di Amica !!
.
L'una per aver inscenato una rappresentazione che poco si differenzia dagli stereotipi di un comunismo di stampo staliniano, e l'altra per essere caduta così in basso, accettando per opportunità economiche ben specifiche di trascinare i bambini in un vergognoso circolo vizioso.
.
Ribadiamo ancora una volta :
.
FUORI IL PD DALLO SPORT DEI NOSTRI FIGLI !
(così come è scritto nei manifesti affissi dalla LEGA NORD a Minerbio).
.
Poco importa che alcuni coglioni di turno, abbiano poi affisso dei manifesti ABUSIVI nei quali si attaccano con offese proprio coloro che hanno avuto il coraggio di interferire con i piani del PD.
.
Il futuro ci dirà se Amica riuscirà a capire l'importanza di tenere lontana la politica dallo Sport e dai bambini, o se invece continuerà un rapporto con il PD locale che può essere definito quanto meno equivoco e inopportuno nei confronti di noi tutti.
.
I cittadini stessi, infatti, sono i primi ad essere indignati per l'accostamento ed il binomio, che sembra inscindibile, dei due diversi universi locali : sport e politica.
..
.
In questo connubio si trovano coinvolti, loro malgrado anche tutti quei volontari che offrono il loro lavoro e la loro dedizione alle attività sportive.
.
Tutto viene fagocitato in un unico intento speculativo : far coincidere l'essenza calcistica e sportiva in generale, con l'araba fenice di un comunismo locale, discendente di un retaggio culturale che affonda le sue radici nel male assoluto, nel dolore e nella disperazione.
.
Vogliamo che i nostri figli facciano parte di questo disegno occulto ?
.
Facciamo sentire la nostra voce di cittadini, e uniamoci nel manifestare il nostro dissenso verso la speculazione che passa attraverso l'innocenza dei nostri bambini, complice la colpevole miopia di una Amministrazione asservita e incapace.
.
Dissenso
.

1 commento:

  1. Oggi c'era anche il primo cttadino, alla premiazione del torneo della befana, è ha avuto il coraggio di dire che spera ci siano eventi del genere anche il prox anno...
    Basterebbe che stanziasse più soldi allo sport invece che spenderli in opere inutili dal costo faraonico o destinandoli ad associazioni partigiane...
    Si nasconde come al solito, dietro ad un dito!!

    RispondiElimina

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Speech by ReadSpeaker