Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

lunedì 12 marzo 2012

LUNGA VITA AL RE

LA POLITICA A MINERBIO, E’ MORTA. 
.
La resa dei conti è arrivata. Prima o poi doveva succedere.
Ormai è sotto gli occhi di tutti, a Minerbio non esiste una opposizione in grado di contrastare lo stragrande potere di una amministrazione che tutto vuole e tutto può.
Sono circa tre anni che noi del Blog stiamo partecipando alla vita politica del paese, per cercare di contribuire in prima persona alla risoluzione di problemi che per noi sono molto importanti, influenzando e pilotando l’ attività dei gruppi politici locali.
.
La prima collaborazione è stata intrapresa con la lista civica “Cittadini di Minerbio per Minerbio”.
La prima bolla di sapone e la prima delusione.
Una lista civica inadatta a fare quella opposizione necessaria a contrastare l’arroganza di un partito (PD) che tutto controlla, dalla chiesa allo sport per i bambini, fino ad arrivare all’informazione, con tanto di giornalista di corte (prono ai voleri del suo RE).
Una lista civica che ha avuto spesso la possibilità di far valere le proprie ragioni, ma che per motivi vari, personali e soprattutto per paura, non ha mai avuto “le palle” di proseguire una battaglia giusta.
Ora il potere del RE è diventato ancora più grande, quasi intoccabile, riuscendo a fagocitare tra i suoi sudditi e i suoi “possedimenti” anche la lista civica.
Voci di paese infatti raccontano la possibile alleanza tra il PD locale e questa falsa opposizione che per propri interessi, proprie paure ha accettato l’idea di fare una grande ammucchiata.
Il PD locale ha conquistato la lista civica (alias PDL).
Presto, molto presto, addirittura in questo momento potrebbe infatti cominciare questa vergognosa ammucchiata.
I baluba della politica (messaggio in codice per gli addetti ai lavori) hanno issato bandiera bianca dichiarandosi sconfitti ancora prima di cominciare a lottare, un comportamento indegno e irrispettoso verso tutti coloro che li votarono vedendo in questa lista una probabile opposizione al RE.
.
Avendo capito in tempo la vera indole di questa lista, l’anno scorso ci allontanammo da questa collaborazione, cercando di fondare un nuovo movimento politico, legato al comico Beppe Grillo, poiché credevamo nelle sue battaglie.
Siamo stati degli illusi, e questa è la seconda bolla di sapone.
Fu inizialmente una buona cosa, c’era l’entusiasmo, c’erano i sostenitori, sembrava un movimento libero e desideroso di verità e giustizia.
Nulla di più falso ed ipocrita.
Era infatti tutto un baraccone mediatico allestito da ex comunisti che sotto mentite spoglie cercano di riappropriarsi di una poltrona persa perché probabilmente silurati o delusi dal vecchio partito rosso.
Proprio questo parallelismo tra il vecchio PCI e i Grillini ha portato il RE a temere un possibile ostacolo al suo avanzare inesorabile, costringendolo ad una subdola mossa di bassa lega, querelando i due autori del Blog, cioè noi, sperando di spaventarci e di metterci in panchina. 
Non voleva che i voti della sinistra locale venissero dirottati verso i grillini.
Contemporaneamente ricevemmo una censura da Massimo Bugani, candidato sindaco per Bologna, per aver pubblicato un articolo di commemorazione sulle Foibe nella giornata delle Foibe.
Ci fu intimato di eliminare alcune parti dell’articolo (in particolare la foto della falce e martello insanguinata) minacciando che il simbolo del Movimento 5 Stelle era stato tolto per molto meno.
Non fu un problema.
Decidemmo NOI di togliere il simbolo (non di farcelo togliere!), di cestinarlo e di creare un tam tam mediatico per pubblicizzare la censura dei FALSI paladini della libertà contro un blog di provincia, cercando di mostrare la vera faccia illiberale di un simbolo che per paura di perdere una manciata di voti rossi è arrivato a tentare addirittura di censurare un piccolo blog.
Come dire?! Il M5S andava a braccetto con il RE! Stesso modus operandi e medesime finalità…
Rispondemmo picche sia al RE e alla sua querela che a Massimo Bugani, mandandoli a spendere entrambi senza troppi giri di parole, come è uso nel nostro stile fare, senza peli sulla lingua.
LA LIBERTA’ NON SI COMPRA.
Infatti uscimmo con due articoli di fuoco, uno dedicato al RE di Minerbio (Il sindaco si nasconde di nuovo dietro ad un dito) e uno dedicato a Bugani (Massimo Bugani e i comunisti).
In entrambi denunciavamo l’arroganza dei potenti di turno e la loro disponibilità a scendere a compromessi pur di tentare di governare o di avere un minimo di potere legato ad una poltrona.
Ovviamente tutto ciò non servì a nulla.
Il potere della politica e i suoi interessi sono più forti e più grandi della verità e della giustizia; il telegiornale ce lo insegna tutti i giorni con gli scandali che ci presenta quotidianamente in televisione.
PERO’ SERVI’ A NOI, PER DIMOSTRARE CHE NON SOTTOSTIAMO A CERTE LOGICHE DI PARTITO, E PER DIMOSTRARE CHE LA LIBERTA’ DI PENSIERO, DI PAROLA, DI AZIONE, NON SI PUO’ COMPRARE E NON SI PUO’ IMBAVAGLIARE, E PER DIMOSTRARE INFINE CHE NON SIAMO DISPOSTI A SCENDERE A COMPROMESSI.
Purtroppo in Italia questa filosofia di pensiero e di vita non porta a nulla, solo a soddisfazione personale e anche se non è poco potersi guardare allo specchio con orgoglio e a testa alta, non aiuta a risolvere i problemi.
La politica, anche a livello locale, come a Minerbio, è fatta di scambi, di favoritismi, di silenzi…
Voglio farvi presente che in questa ultima avventura siamo stati contattati anche da consiglieri comunali votati in altre liste civiche di opposizione, che con molto entusiasmo hanno voluto collaborare aiutandoci a far crescere il M5S minerbiese.
Ovviamente rimanendo sempre ai margini, in ombra per non essere scoperti (dal lupo cattivo!!!), per far portare avanti a noi certe battaglie (eternit, barriere, ecc..) così da non doversi scontrare in prima persona con il RE, la sua corte e i suoi sudditi.
.
La verità, cari lettori, è questa.
In tutto questo tempo abbiamo lottato per le BATTAGLIE in cui crediamo veramente, per quelle e sempre e solo quelle. 
LOTTIAMO contro le barriere architettoniche, l’eternit, gli sprechi di denaro pubblico, e tutto ciò che avete letto sulle nostre pagine del Blog.
Abbiamo voluto provare a collaborare con quelle realtà politiche presenti in paese, perché senza l’appoggio di un partito forte è quasi impossibile combattere contro un RE che ha come arma principale un’ organizzazione ben radicata sul territorio, che può arrivare ovunque e che sotto il nome di PD raccoglie quei consensi che in Emilia Romagna sono diventati ormai impossibili da sradicare e che hanno origine dal dopo guerra.
Solo un partito forte, consapevole, e che ha voglia di investire soldi sul territorio, può tentare di opporsi al Re e alla sua corte.
Ma anche questa è una falsa speranza, e come le promesse del RE, sono solo BOLLE DI SAPONE.
.
Come ultima Bolla di sapone nonché delusione è arrivata anche la Lega Nord.
Già ci mancava solo quella!!
Ultimo nostro tentativo estremo, in cerca di un movimento forte, combattivo, rappresentato in parlamento, è stato proprio quello di accettare la collaborazione con la Lega Nord Minerbio, il partito appena creatosi localmente dallo spaccamento della lista civica Cittadini di Minerbio per Minerbio.
Questa volta però abbiamo cercato di dettare noi la linea, volendo e pretendendo un certo modo di agire, basato sulla comunicazione con i Cittadini.
SE SI FA OPPOSIZIONE, SIAMO CONVINTI CHE LA SI DEVE FARE PER VINCERE NON PER CONQUISTARE UNA SEDIA DA CONSIGLIERE.
Se così non si fa, è meglio tirare i remi in barca, dedicandosi ad altro.
Ci siamo scontrati con il leader locale della lega, il quale voleva e vuole fondare tutta la sua attività politica per il paese con la semplice affissione di manifesti pubblicitari.
Noi non eravamo e non siamo d’accordo.
Crediamo, anzi ne siamo convinti, che per comunicare con la gente sia necessario eviscerare bene i problemi spiegando nei dettagli il motivo della battaglia, e diffondere tutto tramite i volantini, costantemente.
Gli slogan non sono sufficienti ma costituiscono solo un contorno alla comunicazione.
Abbiamo voluto banchetti, volantinaggi continui e costanti, e la creazione di un giornalino che potesse contrastare le nefandezze e le falsità continue che tenta di propinarci “Prometeo”, l’organo di disinformazione ufficiale della corte del RE.
Abbiamo chiesto al referente regionale una certa libertà (locale) di movimento e di azione, legata esclusivamente ai temi delle nostre battaglie, per non sconfinare in ciò che non ci compete, e per cercare di portare la nostra VOCE a più persone possibili.
Volevamo creare una associazione locale per farci conoscere anche da coloro che internet non lo usano e per poter organizzare manifestazioni di volontariato finalizzate alla raccolta di fondi da destinare alla costruzione di rampe per disabili, o da devolvere in beneficenza, o per aiutare realtà territoriali tenute volutamente in disparte dal RE e la sua corte.
Tutto ciò per contribuire in prima persona alle esigenze del paese, e per avvicinarci direttamente alle persone.
Questa volta volevamo fare le cose alla grande partendo in quinta e cercando di arrivare al cuore di quante più persone possibili, e per svegliare le coscienze di tutti coloro che vedono nel RE l’unica realtà possibile.
NON CI E’ STATO PERMESSO.
O meglio, la collaborazione che ci è stata offerta non è stata all’altezza delle nostre richieste e non adeguatamente sufficiente per il raggiungimento degli scopi e degli obiettivi da noi prefissati.
.
La conclusione è solo una, sconsolante, desolante, arrendevole, tristemente vera, di una verità così amara che ti lascia quella sensazione di aver lottato per tutto questo tempo contro mulini a vento.
I GIOCHI SONO FATTI.
Sono già decisi a tavolino da coloro che si spartiscono fette di potere e che come in una partita a scacchi hanno già bene in mente le prossime mosse da fare. Lo scacco al RE qui a Minerbio evidentemente, non è il momento di darlo.
A nessuno in paese sembra interessare delle barriere architettoniche che sono presenti sia in Comune che davanti alla Chiesa, così come a nessuno in paese sembra interessare dell’eternit presente nelle strutture pubbliche, vicino agli asili del paese, negli spogliatoi dei bambini al campo sportivo di Ca’ de Fabbri, in tutta la zona industriale….
Le liste civiche di opposizione al RE, non hanno mai fatto nulla per contrastare queste cose.
Siamo dovuti arrivare noi del blog per svegliare qualche coscienza, o per ottenere incontri con il RE e la sua corte, risultati poi inutili, finendo sul Carlino per le nostre denunce mediatiche, contattando USL e gruppi di tutela dei disabili, oltre che il presidente dell’associazione Esposti all’ Amianto, ecc, ecc…
Abbiamo girato un video, dove io in prima persona seduto su una carrozzina per disabili, documentavo la situazione delle barriere architettoniche per denunciare tutto pubblicamente.
Siamo stati gli unici, in un paese addormentato e assuefatto al volere del RE, che hanno avuto il coraggio di fare una manifestazione di protesta del genere.
Siamo stati gli unici che hanno smosso Usl ed associazioni varie, costringendole a interloquire, per il problema eternit, con il RE.
Siamo stati gli unici a denunciare la pericolosità dell’attraversamento pedonale davanti alle scuole Elementari di Minerbio, ottenendo, dopo duri scontri con il RE, l’isola spartitraffico e una luce aggiuntiva per migliorarne l’illuminazione .
Siamo stati noi a donare 10 computer alle scuole elementari del Paese, chiedendo aiuto ad alcuni sponsor del paese.
Siamo stati noi ad aiutare la palestra di Judo (nella sua precedente location), cercando sponsor che avrebbero garantito la “non chiusura” dell‘attività.
Siamo stati gli unici a portare avanti tutte le nostre idee ed i nostri pensieri, con perseveranza, professionalità, testardaggine, e con una buona dose di coraggio, senza mai chinare il capo e senza mai accettare compromessi…
In tutto questo tempo la politica del paese dove era?
Cosa stavano facendo le opposizioni?
Avevano paura di qualcosa?
Forse temevano di perdere voti per il calo di quella popolarità che temporaneamente era incentrata su di noi?
Avevano paura di pestare piedi che non avrebbero dovuto essere sfiorati nemmeno da lontano?
Se è così, QUALI?
Partiti e gruppi di opposizione!
MA NON VI VERGOGNATE NEMMENO UN PO’?
COME E’ POSSIBILE CHE IL VOSTRO LAVORO, in questi ultimi tre anni sia stato fatto da DUE, e ripeto SOLO DUE CITTADINI che con perseveranza, testardaggine e MOLTO CORAGGIO, hanno portato alla luce problemi che come la polvere sotto il tappeto, erano stati tenuti nascosti per troppo tempo?
In questa maniera, il vostro ruolo scompare, diventa inutile per il paese, NON SERVITE PIU’ A NULLA.
Il RE vi ha schiacciato, piegato e inesorabilmente assoggettato ai suoi voleri.
Non avete il coraggio di fare una opposizione degna di essere chiamata tale, su argomenti reali veri e tangibili.
Il vostro modo di fare politica è UN SEMPLICE E STERILE TEATRINO che vi serve solo ed esclusivamente per avere quei voti indispensabili a sedere sulle sedie della sala del Consiglio Comunale.
Peccato però che non siate in grado di sfruttarle se non per parlare di un lampione rotto o mancante in una strada spersa nella bassa, o per correggere alcune virgole in un testo di un ordine del giorno, o per litigare con l’oppositore di turno.
PSEUDO OPPOSIZIONI E LISTE CIVICHE, SIETE INUTILI, SIETE COMPLETAMENTE INUTILI e state facendo male al paese, state ALLARGANDO A DISMISURA IL POTERE DEL RE.
.
Messaggio al RE:
Credo, anzi ne sono sicuro, che tu (o il tuo successore) e la tua corte avrete vita facile per i prossimi anni, tanti anni, poiché non esiste una opposizione all’altezza di ostacolarvi, o di creare quel movimento culturale e di opinione tale per cui si possa pensare di creare un unico partito forte, fatto da cittadini, che stanchi delle tue bolle di sapone si uniscano per detronizzarti.
La tua macchina da guerra (PD) è troppo ben organizzata, ricca, e potente. 
I semplici cittadini non
possono farcela. E i partiti che dovrebbero farti opposizione sono troppo impegnati a mantenersi quel minimo consenso che gli rimane, non vogliono rischiare di scomparire del tutto.
Infatti il nostro parere è che rimarrà tutto uguale, nulla cambierà, proprio nulla, per i prossimi anni a venire.
LUNGA VITA AL RE.
.
Messaggio alle opposizioni del paese e ai loro politici:
Siete vergognosamente indegni di rappresentare il paese.
Siete suddivisi da ideologie faziose vecchie come la Repubblica, siete tutti contro il RE, ma in realtà andate a braccetto con lui. Siete legati da interessi di paese che vi obbligano a fare una falsa opposizione, e da contratti morali verso coloro che vi hanno fatto chissà quali favori.
Non volete pestare piedi di coloro che vi hanno concesso o permesso chissà quale cosa.
Non potete esporvi più di tanto, perché raccontate che non è tipico degli elettori della vostra lista.
Ma a chi la volete raccontare?
Davvero credete che chi vi vota voglia vedervi all’opposizione per sempre e non speri di vedervi Sindaci?
Credete che le persone,la gente, si considerino dei perdenti come voi?
La risposta è NO, ma la gente vi vota perché vorrebbe vincere, anche se è stanca di farsi prendere per il culo da quattro burocrati male organizzati, ed incapaci di gestire un movimento d’opinione.
Ne avete raccontate di tutte i colori per potere continuare a guardarvi allo specchio, inventando le scuse peggiori per cercare di salvaguardare quella coscienza che ancora in parte vi rimane.
In passato ci avete apertamente dichiarato che noi del Blog non siamo politici e che quindi non siamo in grado di farla.
EBBENE, AVEVATE RAGIONE, E NE SIAMO FIERI.
SE QUI IN PAESE NON CI SI UNISCE TUTTI IN UNA COMUNIONE DI INTENTI NON SI OTTERRA’ MAI NULLA.
Ma questo è impossibile, troppe famiglie influenti del paese vogliono partecipare al banchetto e vogliono la fetta più grande della torta, lasciando le briciole agli altri.
Questo porta alla separazione, alla creazione di più liste e alla vittoria del RE.
I politici che rappresentano i Cittadini a livello regionale (e non solo) fanno scappare da ridere, per mancanza di coraggio e per mancanza di iniziativa personale.
Non si vogliono cambiare le cose perché la Regione è rossa e deve rimanere tale.
Evidentemente a loro basta quella striminzita percentuale di consensi solo ed esclusivamente per mantenere quello status quo e quello stipendio da oltre 10 mila €, che noi Cittadini gli paghiamo.
I rimborsi elettorali sarebbero sufficienti per creare una vera e propria strategia di investimento sul territorio per cercare consensi, come convegni in sale rappresentative, sagre, feste, pubblicazione di riviste di informazione locale, ecc, ecc…
Tutto ciò, è esattamente quello che il RE e la sua corte fanno già e che continuano a fare per mantenere il potere e per aumentarlo.
Evidentemente a voi i consensi non interessano, non li volete.
Evidentemente i giochi sono fatti.
Evidentemente vi basta così.
.
CONCLUSIONI:
Vi lasciamo una volta per tutte ai vostri giochini stile Risico, ai vostri inutili giochi di ruolo, che non vi porteranno a nulla, se non alla vostra completa e inesorabile scomparsa.
Vi lasciamo all’avanzare prepotente del Re.
Noi non ci stiamo più.
Vi lasciamo alle vostre barriere architettoniche e alle vostre BARRIERE MENTALI.
Vi lasciamo liberi di respirare a pieni polmoni l’eternit del paese.
Vi lasciamo liberi e felici di pedalare su una ciclabile dal costo di un raccordo autostradale.
Vi lasciamo con le trappole per i topi nelle sale mense dei vostri bambini.
Vi lasciamo…
Vi lasciamo ai vostri consigli comunali un po’ più soli del solito, già perché in tre anni il numero
massimo di pubblico alle assemblee comunali è stato di 5 persone (noi compresi).
Questa è la presa che fate sulle persone! Complimenti!
Siamo stanchi.
Siamo stanchi di essere presi in giro.
.
I MULINI A VENTO HANNO VINTO.
.
Il Blog.

Speech by ReadSpeaker