Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

martedì 31 agosto 2010

IL SINDACO MENTE SAPENDO DI MENTIRE.

La ringrazio per la Sua risposta, anche se il tono e lo stile con cui è stata scritta la lettera fanno pensare che a scrivermi non sia stato Lei in persona.
Non fa niente, forse è solo un’impressione!
Mi meraviglio ogni qualvolta ricevo una sua mail!
Lei Sindaco, mente sapendo di mentire.
Se si fosse riletto, come dice di aver fatto, i vecchi articoli apparsi sul Blog di Minerbio, si sarebbe accorto, che l’ascolto di cui tanto parla siamo noi del Blog ad averlo richiesto, e ormai da un anno.
Ascoltare però non basta.
Bisogna anche saper dialogare, e questo, mi creda, Lei non è capace di farlo.
E’ inutile che mi risponda sempre nella stessa maniera, dicendomi che ha letto questo, che sta facendo quell’altro o che si sta impegnando a fare chissà che cosa.
La realtà, Lorenzo, è tutta sul Blog, catalogata e archiviata alle voci “lettere al Sindaco”, “lettere al Sindaco senza risposta”, e soprattutto nella rubrica dedicata alle segnalazioni “dei cittadini” e “del Blog”.
Quando Lei afferma di non aver mai ricevuto lettere o segnalazioni sull’ETERNIT O SULLA EX SCUOLA DI S.MARTINO DI SOVERZANO, mente, sapendo di farlo.
Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire!
Infatti come più volte ho affermato nel Blog, tutti gli articoli scritti vengono automaticamente spediti a Lei (è un servizio offerto automaticamente da blogger attraverso google), all’urp del comune, al capo lista del suo partito, ai capo lista delle opposizioni, e al suo assessore per l’attuazione del suo programma politico, oltre che a dei nostri collaboratori.
Pertanto sarei lieto di capire come mai alle persone sopra citate, i miei post  arrivano e a Lei no!!!
Forse accade quello che succede per le comunicazioni inviate via mail all‘urp, da cittadini che chiedevano di parlare con i  consiglieri d’opposizione, purtroppo mai recapitate.
E’ proprio questo che mi fa pensare che Lei, Sindaco, mente sapendo di farlo, solo ed esclusivamente per non ammettere di aver sbagliato o sottovalutato un problema, da noi segnalato, piuttosto che un altro.
Mente perché La disturba il fatto che noi vigiliamo meglio di Lei sul nostro territorio, e il fatto che certe segnalazioni arrivino da probabili sui oppositori, La mette in una condizione tale da non voler accettare consigli da chi, in futuro, potrebbe toglierLe la poltrona su cui siede (SENZA PRIMARIE) da sotto il sedere.
Le barriere architettoniche abbattute di cui parla sono un’altra menzogna, o meglio sono una vera e propria presa in giro.
Lei non è in grado di chiedere scusa (il tanto acclamato dialogo di cui Lei parla) e di affermare che questo problema è stato da Lei e la sua giunta sottovalutato.
Basta guardare quell’orrendo gradino davanti al comune, alla chiesa, e in svariati attraversamenti pedonali nel corso principale, senza contare la NUOVA BARRIERA ARCHITETTONICA fatta da voi, DA LEI, sulla nuova ciclo-pedonale del parco di Vicolo Stradone.
E’ inutile che si arrampichi sugli specchi affermando che non ha fatto una semplice rampa perché la ditta che doveva farla non era la stessa che ha fatto la ciclabile. E due ditte insieme non potevano lavorare, perché bla bla bla bla…
Ma si rende conto delle cialtronerie che dice.
Perché non prova a dire queste stesse cose guardando in faccia un disabile in carrozzina?
Probabilmente non riuscirebbe nemmeno a guardarlo negli occhi per la vergogna, per averlo lasciato fuori da quel parco per tutti questi mesi. (e tutt’ora)
Pertanto Sindaco non venga a dire a me di non saper ascoltare, quando il primo a non VOLER ascoltare è Lei.
E’ proprio questo che intendo quando Le dico che il primo a dover cominciare a dialogare con chi non la pensa come voi e proprio Lei.
La smetta di mentire sapendo di farlo e di girare le carte come più Le fanno comodo, per cercare disperatamente consensi che ormai ha perso.
Ammetta una volta tanto di non essere stato in grado di gestire una situazione (grave come quella delle Barriere Architettoniche) nel modo più rapido ed efficiente e soprattutto rispettoso possibile e dovuto.
Per quanto riguarda la ciclabile d’oro di Minerbio Tintoria, Le ribadisco che non sono assolutamente contrario alla sua realizzazione, anche io credo che sia un’opera da realizzare perché utile per i cittadini, penso però che il costo sia eccessivamente alto e non capisco come mai in passato la si sia pubblicizzata su Prometeo (se non se lo ricorda, si vada ad ascoltare la registrazione del penultimo consiglio) per un costo di 300 mila €.
MI AUGURO ALMENO CHE ABBIA PREVISTO UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE A BASSO IMPATTO ENERGETICO (FOTOVOLTAICO O A LED) altrimenti oltre che aver speso, per ora 700 mila €, avrà creato anche un costo aggiuntivo per le tasche dei cittadini di Minerbio.
(LA CORTE DEI CONTI CHIARIRA’ IL MIO DUBBIO)
Non capisco inoltre l’urgenza di tale opera rispetto alla risoluzione di altri problemi più urgenti per Minerbio, come appunto l’abbattimento delle barriere architettoniche.
Questo è un concetto che Le ho ripetuto ormai infinite volte (sempre a proposito di reciproco ascolto…), pertanto non mi fermerò più su questo argomento. E’ come parlare al vento. E’ come parlare ad uno ZOMBIE (cioè un uomo senza ANIMA-un morto che cammina)!
Io continuerò a essere duro con Lei fino a quando non avrà smesso di prendere in giro tutti coloro che la pensano come me e che hanno occhi per vedere e orecchie per sentire…
Continuando a leggere la sua lettera, mi accorgo sempre più che il suo unico intento, nel rispondermi, sia quello di farsi campagna elettorale, per la solita ricerca di consensi, ormai persi.
Lo si capisce per i toni propagandistici con cui Lei o chi per Lei scrive queste lettere.
Infatti!
Come può affermare di non aver mai ricevuto mail di segnalazioni, sugli sfalci dell’erba a Minerbio, quando ho dedicato parecchi articoli dove si parlava della zanzara tigre e dell’erba alta (in particolare in corrispondenza dell’asilo Peter Pan).
Sono stati fatti anche volantinaggi proprio dalle opposizioni in merito all’argomento. Con tanto di foto che segnalavano il problema in svariati posti di Minerbio.
Inoltre per quanto riguarda il Parco 2 Agosto, le nostre segnalazioni sono state così numerose da non riuscire a ricordarne nemmeno la quantità, e per quanto riguarda quel perno pericoloso in prossimità di un gioco per i bimbi, sono contento che abbiate risolto il problema, solo dopo, però, almeno 3 mail di segnalazione (nell’arco di 5 gg) di cui una a Lei personalmente.
Meno male che in quell’arco di tempo (CINQUE GIORNI) nessuno si è fatto male.
Minganti, Le ridò un consiglio, faccia in maniera che i vigili vengano mandati a passeggiare per il paese per cercare ciò che non va e a vigilare su quello che potrebbe essere potenzialmente pericoloso invece di essere mandati a fare le multe in uscita dal paese con il telelaser, magari non passerebbero 5 gg per una segnalazione su una situazione potenzialmente mortale!
Ma è ovvio, Lei si ricorda solo gli articoli, i volantini o le registrazioni dei consigli che più Le fanno comodo.
ADESSO L’AIUTO IO A RICORDARE QUALCOSA!
L’avevamo bacchettata per la sua poca preparazione in merito all’argomento zanzara tigre.
Lei affermava che non vive in mezzo all’erba alta e in posti molto assolati (si vada ad ascoltare la registrazione del penultimo consiglio), quando anche la Regione Emilia Romagna nel suo sito dedica un’ampia parte all’argomento contraddicendoLa in tutto e per tutto.
Complimenti!
Lei fa le ordinanze senza aver studiato bene l‘argomento trattato.
Proprio un bell’esempio di PUBBLICO UFFICIALE!
Beh! Per questa volta non la denunceremo all’Autorità Giudiziaria per completa incapacità!
Non La denunceremo nemmeno per le lettere spedite a tutta Minerbio (TRANNE CHE A ME) dove si rivolgeva allo scrivente in toni diffamatori e oltraggiosi, screditandomi verso coloro che grazie a me (e non solo) hanno partecipato ad un nobile gesto.
Per quanto riguarda invece il rapporto dei GEV, è VERAMENTE TRISTE vedere come finalmente tutti i nodi vengono al pettine.
Infatti guarda caso il rapporto dell’arpa lo ha pubblicato sul suo sito, con tanto di campagna mediatica contro gli oppositori-segnalatori, mentre il rapporto dei GEV se lo è tenuto ben stretto nel cassetto del suo ufficio fino, guarda caso, fino alla richiesta di un consigliere, e tuttora non lo ha reso pubblico.
PERCHE'?
Magari appena riusciremo ad averne una copia lo potremo rendere pubblico ai cittadini, per fare capire loro di cosa in realtà si sta parlando.
Inoltre, invece di leggere i documenti e di riferirli come più le piace e le fa comodo, avrebbe tranquillamente potuto rilevare e comunicare ai suoi concittadini, che la stessa arpa afferma che in quel fosso ci sono CONTAMINAZIONI FOGNARIE (anche se di lieve entità-AVEVA PIOVUTO 3 GIORNI PRIMA DELLE ANALISI) e soprattutto di tensioattivi.
Lei, Sindaco, PUBBLICO UFFICIALE, invece di cercare di far paura, con la sua politica del terrore con le denunce, a destra e a manca per le segnalazioni fatte dalle opposizioni, avrebbe dovuto, e mi auguro lo faccia prima o poi, per il bene di Minerbio, ripetere le analisi per togliere ogni minimo dubbio e preoccupazione.
L’ARPA INFATTI DICE:
- L’INDAGINE BATTERIOLOGICA METTE IN EVIDENZA UNA POSSIBILE CONTAMINAZIONE, SE PUR DI MODESTA ENTITA’, DI ACQUA DI PROBABILE ORIGINE FOGNARIA.
- SI SOTTOLINEA LA PRESENZA DI TENSIOATTIVI
Inoltre l’arpa le consiglia di tenere pulito quel tratto e periodicamente controllare lo stato delle acque di quel fosso.
L’ARPA LE DICE CHE DEVE FARE QUANTO SEGUE:
SIA DALL’ESITO DEL SOPRALLUOGO IN CAMPO CHE DALLE INDAGINI ANALITICHE EFFETTUATE, SI VALUTA LA NECESSITA’ DI PULIRE ADEGUATAMENTE IL FOSSO CONSENTENDO IL DEFLUSSO DELL’ACQUA E LA SUA OSSIGENAZIONE, DI VERIFICARE IL SISTEMA DI RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE E NERE AL FINE DI ESCLUDERE UN APPORTO SEPPUR MINIMO DI ACQUE FOGNARIE NEL SISTEMA DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO CHE SI RACCOLGONO NEL FOSSO DI CUI ALL’OGGETTO.
Per quello che Le è stato DETTO dall’Arpa, Minganti, si è già attrezzato per farlo?
Se non lo ha ancora fatto, si dia una mossa e corra a quel fosso e lo pulisca.
O è troppo impegnato a passare il suo tempo con legali pagati da noi cittadini, per denunciare opposizioni che le hanno segnalato UN PROBLEMA CHE TUTT’ORA C’E’?
Le ricordo inoltre che le acque di quel fosso affluiscono in una serie di altri canali che servono ai contadini per irrigare i campi…
Vuole denunciarmi per averle dato una notizia, che magari non sapeva, o ha intenzione più semplicemente di prenderne atto e di fare il suo lavoro, per cui è pagato, da noi cittadini, e di darsi una mossa e sistemare un tratto di fosso, del nostro territorio, che fa schifo?
Oltretutto accanto ad una zona boschiva che da quando la gestisce Lei è diventata una fascia semi-DESERTICA.
Le ricordo inoltre, visto la sua memoria, attiva solo quando pare a Lei, che non mi ha mai dato risposta alla mia domanda (la scrivo in stampatello affinchè Lei possa leggerla meglio),
PERCHE’ A MINERBIO NON AVETE FATTO LE PRIMARIE, LEI E IL SUO PARTITO (TANTO DEMOCRATICO…)?
Mi meraviglio, che Lei abbia il coraggio di concludere la sua lettera dicendo di aver a cuore i valori della democrazia.
Forse i valori della democrazia in cui si identifica Lei e il partito che la rappresenta (Partito Democratico) sono quegli stessi valori che si rifanno alle filosofie Marxiste-Leniniste.

Complimenti Sindaco, il suo tentativo d’approccio e di dialogo, screditandomi e mettendomi in bocca affermazioni false (i post nel Blog ne sono la prova) è miseramente fallito, proprio come il suo modo di fare politica.
I Minerbiesi, ogni giorno che passa, la amano sempre meno, non oso pensare cosa sarà di Lei e della sua popolarità alla fine del suo mandato, e soprattutto mi domando che futuro Le riserverà il  partito (democratico) che ora l’appoggia.

 Christian B.

Lettera del Sindaco: clicca qui

Speech by ReadSpeaker