Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

domenica 17 giugno 2012

LOGICHE DI PENSIERO ...

.
Da più parti mi viene chiesto quale sia la motivazione, forse inconscia, che spinge un amministratore comunale a prendere in considerazione, piuttosto che ad ignorare, eventuali problematiche di interesse pubblico.
.
Probabilmente le sfaccettature che delimitano la geometria della struttura psicologica dei personaggi politici dipendono non solo dalla formazione culturale, o dal retaggio ancestrale indotto da un imprinting acquisito nella fase evolutiva adolescenziale, ma anche da sollecitazioni contingenti o da pressioni occulte che gravano sulle scelte e sulla volontà decisionale.
.
A volte pare quasi che pur consapevoli dell’universo che li circonda, i politici risultino estraniati dalla realtà contingente e dal contesto quotidiano, rivelando una persistente idiosincrasia verso la società, avulsa da qualsiasi esigenza di priorità o rilevanza.
.
Ecco così che la psiche del politico sfugge a logiche razionali, deviando verso percorsi che privilegiano decisioni di inspiegabile fattura, e che lasciano i cittadini allibiti e increduli.
.
I recessi mentali di taluni amministratori rappresentano un vero e proprio labirinto in cui si perdono i risultati dei rispettivi laboratori ideologici e intellettuali, metamorfizzati dalla dipendenza simbiotica con i partiti di riferimento.
.
Parafrasando un modo di dire, si può benissimo affermare che non ci sia peggior sordo di chi non voglia sentire, sia a livello inconscio che interpretando un ruolo di stolida consapevolezza.
.
La coscienza dei politici di mestiere spesso è attraversata da conflitti che spaziano dal desiderio di esibire proposizioni di carattere costruttivo e socialmente necessarie, fino alla necessità di soddisfare i parametri stereotipati delle lobbies legate al partito politico di appartenenza.
.
Solo così si spiega coma mai a volte costoro neghino realtà evidenti e palesi, oppure perché si esibiscano in realizzazioni di opere inutili, costose, e non prioritarie rispetto alle esigenze territoriali.
.
Gli esempi si sprecano, a livello globale, universale.
.
L’unica cosa che accomuna l’intero universo geo-politico è la perfetta condiscendenza con cui si rivolgono alla perpetua ridefinizione di sempre maggiori privilegi e vantaggi per sé stessi.
.
Da qui nasce, ed è stato coniato, il termine di CASTA, che identifica l’appartenenza ad una elite privilegiata.
.
I suoi componenti sembrano essere autorizzati a fagocitare tutto ciò che può recare loro vantaggio.
.
La casta ha però superato i suoi stessi limiti, navigando in un oceano sconfinato di esosità e di arroganza inaffrontabili e senza limiti.
.
Rimanendo in ambito locale, a Minerbio, ci si chiede da tempo, e da più parti, come mai l’Amministrazione pubblica sia talmente autoreferenzialista ed arrogante da negare perfino l’esistenza stessa dell’amianto, nonostante l’evidenza palese della sua assillante presenza sul territorio, testimoniato dalle nostre numerose segnalazioni.
.
Ci si chiede come mai le elucubrazioni mentali e le divagazioni intellettuali delle menti eccelse che ci governano a livello locale non riescano o non vogliano prendere in considerazione nemmeno le altre segnalazioni che facciamo da molto tempo, come ad esempio quelle sulle barriere architettoniche.
.
Il modus operandi del Sindaco di Minerbio nei nostri confronti è sotto gli occhi di tutti, oramai da anni.
.
Noi facciamo le segnalazioni necessarie a risolvere situazioni di degrado, di spreco, di rischio per la sicurezza stradale, o di allarme, proponendo anche le soluzioni e le alternative, ma siamo sistematicamente disattesi e inascoltati.
.
Spesso l’Amministrazione si profonde in sterili scusanti, oppure si nasconde dietro presunti ostacoli a cui attribuisce la certezza di una impossibilità operativa, mentre in altre occasioni NEGA sfacciatamente che il problema stesso esista.
.
Successivamente è però capitato che le stesse problematiche che in precedenza non avevano riscosso l’interesse del Primo Cittadino, venissero poi affrontate, seguendo le nostre indicazioni.
.
Forse la coscienza civica degli amministratori pubblici ha subito un improvviso risveglio dalla profonda letargia in cui era sprofondata ?
.
Forse, invece, hanno lasciato trascorrere un po’ di tempo dalle nostre segnalazioni per timore di apparire come se fossero stati colti in fallo ?
.
Se così fosse denoterebbero di avere la cosiddetta “coda di paglia” poiché quotidianamente sbandierano ipocritamente la loro disponibilità al dialogo con i cittadini, invece inesistente.
.
O forse si tratta di mera arroganza ?
.
Pura, semplice, e devastante arroganza, per mezzo della quale l’Amministrazione comunale governa Minerbio, appoggiata da chi risulta essere maestro della disinformazione e della manipolazione, e cioè il PD.
.
Non a caso si celebrano ricorrenze al suono di “Bella ciao”, le cui note vengono diffuse enfaticamente dalla banda cittadina, mentre se ne ignorano totalmente altre, come ad esempio quella dei martiri delle Foibe.
.
La corte del Re di Minerbio si affaccenda invece in attività di compiacenza verso il proprio sovrano, ed esprime il meglio di sé dilapidando le risorse locali, infischiandosene dei veri problemi del territorio.
.
La vittoria della psiche e dell’intelligenza individuale, mai come in questo caso, è vanificata da una forma di vassallaggio tesa e rivolta a compiacere la Corona locale, a discapito di noi sudditi, ridotti ad interpretare nostro malgrado il ruolo di servi della gleba.
.
.
Ricordo ancora l’ultimo incontro con Sua Maestà, l’anno addietro, a proposito dell’amianto da noi segnalatogli.
.
In quella occasione erano presenti i dirigenti sanitari Asl, oltre a noi, nonché un consigliere comunale del Comune di San Lazzaro (attivo nella lotta all’amianto), e vari Assessori, ma ciò non impedì al Re di abbandonare il consesso ivi riunito, e di rimanere assente per lungo tempo.
.
Al suo ritorno, nemmeno una parola di scuse …
.
La sua arroganza raggiunse l’apoteosi quando, dopo essersi seduto, all’oscuro di quanto noi tutti ci eravamo detti nel frattempo, esordì con la frase :
.
A Minerbio il problema amianto NON esiste !
.
Di fronte a tale manifestazione di protervia non ci rimase che alzarci in piedi e abbandonare la sala in segno di protesta, seguiti dal suo sorrisino beffardo e arrogante.
.
Questo comportamento, da parte di un Sindaco, è frutto del retaggio culturale da lui assorbito da una qualche scuola di partito, oppure deriva da una forma di maleducazione congenita ?
.
Il suo evidente intento di auto-referenziarsi, e di togliere all’interlocutore una qualsiasi velleità di contrapposizione, attinge forse da esigenze di carattere ancestrale, quali ad esempio una infanzia infelice o qualche trauma fanciullesco mai superato ?
.
Non si capisce altrimenti perché colui che DEVE fare gli interessi della cittadinanza, essendo pagato per questo motivo da noi tutti, si esibisca invece in vergognose rappresentazioni di stampo staliniano, del tutto paragonabili ai dictat dei gerarchi comunisti del Kgb sovietico.
.
La domanda con la quale ho iniziato questo post trova quindi risposta solo attraversando territori in cui l’esame delle prerogative socio-caratteriali dei personaggi presenta caratteristiche molto variegate, e la cui analisi va ben oltre le mie capacità.
.
Lascio quindi a voi tutti l’onere di interpretarne non tanto le intime motivazioni, per le quali non sarebbero sufficienti nemmeno parecchie “sedute” di psicanalisi, bensì le risultanze materiali, alla prova dei fatti.
.
Limitiamoci quindi ad esaminare la realtà locale e quotidiana, e potremo ottenere un quadro chiaro e aggiornato della situazione.
.
I fatti parlano da soli …
.
Dissenso
.

Speech by ReadSpeaker