Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

sabato 11 settembre 2010

SICUREZZA STRADALE DAVANTI ALLA SCUOLA ELEMENTARE


OBIETTIVO RAGGIUNTO

DOPO UNA LUNGA "BATTAGLIA" MEDIATICA (e non),
IL SINDACO SI E' DECISO FINALMENTE 
A DARCI RETTA ED AD ASCOLTARCI,
METTENDO IN SICUREZZA QUEL TRATTO DI STRADA
MOLTO PERICOLOSO, DAVANTI ALLA SCUOLA ELEMENTARE. 
DA NOI SEGNALATO E RICHIESTO PER QUASI UN ANNO.

UN BREVE RIASSUNTO DELLA STORIA:
Noi del Blog abbiamo spedito mail, lettere, segnalazioni, pubblicato post, indirizzandoli tutti al Sindaco affinchè rendesse sicuro quell'attraversamento pedonale.
Ci aveva detto che fare un'isola spartitraffico era impossibile e che la provincia aveva negato tale opera:
"Gli interventi che lei propone con i numeri 2 e 3 sono già stati richiesti formalmente alla Provincia di Bologna, la quale, in qualità di ente proprietario della strada ha negato l'autorizzazione (visto che lei ha l'abitudine di mettere in dubbio la parola degli amministratori pubblici, se vuole le posso far avere copia delle lettere e delle relative risposte).(clicca qui-LINK)
Il punto 2 (della nostra lettera al Sindaco) chiedeva:
2 - Realizzazione di un’isola salvagente spartitraffico, con nuova colorazione delle strisce attuali, da solamente bianche, a bianche e rosse.




 IN REALTA' LA PROVICIA NON VIETAVA UN BEL NULLA, 
ANZI LE COSE STANNO COSI':

CLICCA SOPRA LA FOTO X INGRANDIRLA

Non contenti siamo andati alla provincia per informarci e siamo riusciti a sapere da loro che sarebbero stati ben contenti di dare il nulla osta per un'isola spartitraffico.
Ovviamente abbiamo riscritto al Sindaco comunicandogli quanto avevamo scoperto e finalmente è stato costretto, davanti all'evidenza, ad affermare:
[...] la messa in sicurezza del passaggio pedonale dinanzi alle scuole elementari di Minerbio (al pari dei dossi rallentatori, o dell’incrocio di via Mora) è programmata all’interno della campagna asfaltature 2010; l’inizio di tali opere è stato posticipato da giugno a settembre per poter rispettare i vincoli dettati dal “patto di stabilità”; e non si tratta di una scusa (come dice lei) ma di un fatto oggettivo. [...]
[...] La realizzazione di un’isola spartitraffico è proprio la soluzione che stiamo studiando (e da parecchio) [...]    (clicca qui-LINK)
Ci aveva detto invece che le uniche azioni possibili per rendere sicuro quel tratto erano:
"Come vede gli unici interventi concretamente realizzabili sono il n. 1 - impianto luminoso, il n. 8 - aumento presenza PM, ed il n. 9 - ausilio dei volontari."   (clicca qui-LINK)
Per impianto luminoso Lorenzo intende quei due fari alogeni montati in corrispondenza delle strisce pedonali attaccati a due lampioni, anche quelli installati dopo 6 mesi di duri scontri verbali tramite mail e post tra il  Sindaco e il Blog.
Certo non sono il massimo e consumano un patrimonio ma almeno noi del Blog siamo riusciti a spingere l'amministrazione Minganti a fare qualcosa.
Abbiamo dovuto "lottare" 6 mesi per ottenere due fari alogeni!!!

Noi però volevamo:
Lui, il Sindaco ha fatto:



ORA GIUDICATE VOI DA CHE RAZZA DI SINDACO SIAMO AMMINISTRATI.
SE QUESTO E' IL DIALOGO CHE CERCA, ALLORA SIAMO A POSTO!
QUELLO CHE CONTA PER NOI, E' AVER RAGGIUNTO UN ALTRO OBIETTIVO, 
MOLTO IMPORTANTE PER TUTTI E SOPRATUTTO PER I NOSTRI FIGLI. 


Grazie e a presto
Emanuele B. & Christian B.

Speech by ReadSpeaker