Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

mercoledì 24 ottobre 2012

IO NON MI ARRENDO. Io sono un'idealista e credo che da cittadino devo fare la mia parte e non mi fermo!

Oggi vogliamo pubblicare un commento di un Cittadino che ha avuto il coraggio di metterci la faccia esprimendo un proprio LIBERO pensiero in merito al problema del TRAFFICO PESANTE A MINERBIO.
Il commento è riferito al post del 29 settembre 2012 ed è intitolato "IL TRAFFICO PESANTE STA UCCIDENDO MINERBIO".
Concordiamo pienamente con quanto affermato dal Cittadino e lo sosterremo sia mediaticamente che dal lato pratico appoggiandolo ed unendoci alla sua/nostra battaglia.
Spero che questo commento possa servire anche ad altri Cittadini che ormai stanchi della solita arroganza istituzionale abbiano finalmente il coraggio di ESPORSI in prima persona.

"Che dire!!!! E pensare che nel programma elettorale del sindaco c'era proprio il bypass stradale, per salvare il centro storico dove il "terremoto" c'era prima degli eventi di maggio e continua tutt'ora.

Grave è anche il silenzio del sindaco e dei sui collaboratori a cui come cittadino mi sono rivolto sia via mail che con denuncia "aperta" protocollata il 18 agosto 2012 presso l'URP del comune, segnalando come fossero oggi ancora più pericolose le vibrazioni continue di questi MOSTRI DELLA STRADA (non è uno scherzo tremano i pavimenti) nonostante il condominio di via Garibaldi 2/B (come altri) sia soggetto ad ordinanze di messa in sicurezza per rottura travi portanti ed evidenti crepe su tutto lo stabile e sotto il portico di pubblico passaggio.

Ho evidenziato e consegnato tra l'altro uno studio dell'università di Bologna che certifica i danni sia agli immobili che alla salute dei cittadini da parte di queste vibrazioni continue.

Mi sono anche recato presso i vigili urbani che molto semplicemente mi hanno voluto "liquidare" comunicandomi che la situazione è questa e me la devo "ciucciare" sino alla realizzazione di una variante.

E dire che ho segnalato, visto il momento di difficoltà a reperire finanziamenti, come il bypass in realtà esisterebbe già; infatti il naturale passaggio di tutti questi TIR commerciali sarebbe la zona industriale, basterebbe allargare la strada per poche centinaia di metri.

....Ma ad oggi nessuna risposta ne verbale ne nei fatti....

Inizio a pensare che il comune di Minerbio e i loro rappresentanti siano ostaggi dei grandi interessi che girano attorno allo zuccherificio e alle altre attività!!!!!

Bene visto che io come cittadino italiano e di Minerbio ho dei doveri e dei DIRITTI combatterò sino all'ultimo con la bandiera della salute e della sicurezza, e se non avrò risposte e fatti solleverò il problema evidenziandolo a tutti i cittadini attraverso raccolte di firme, striscioni, portando il problema a conoscenza di giornali, tv e mi attiverò anche legalmente!

IO NON MI ARRENDO!!!!!"

 E POI ANCORA...

"Caro amico cittadino, l'omertà o il pensare che i problemi li risolveranno altri sono alleati ideali per i dirigenti del NOSTRO comune, e l'esempio l'ho avuto in riunione condominiale straordinaria (per i danni a seguito terremoto) dove esponendo il problema mi sono sentito dire.....

"ma cosa ti vuoi mettere a far la guerra al comune?"

"le "cose" sono andate sempre così pensi di riuscire a cambiare qualcosa?".....

Bene se continuiamo a pensarla tutti così non lamentiamoci almeno!

Ma io sono un'idealista e credo che da cittadino devo fare la mia parte e non mi fermo!"

Credo che non servano altri nostri commenti a quanto pubblicato dal Cittadino.
Vogliamo solo informarvi che il Blog è a disposizione di tutti i Cittadini che, come Stefano, hanno voglia e il coraggio di far sentire la propria Voce.
Potete pubblicare i vostri commenti, inviarci mail, contattarci telefonicamente, semplicemente cliccando qui oppure potete incontrarci ai periodici banchetti che ogni fine mese teniamo sotto i portici di Minerbio per distribuire il nostro Giornalino e i nostri volantini.
UNIAMOCI in nome di una Minerbio migliore, per una Minerbio più vivibile, per una Minerbio a "NOSTRA misura".

9 commenti:

  1. Oramai si è palesata con evidenza tutta l'arroganza di questa Amministrazione, Sindaco in testa, che si raffronta esclusivamente con sè stessa e con il partito che rappresenta : il PD. I cittadini sono, evidentemente, l'ultimo dei loro pensieri, in perfetto stile togliattiano...
    L'alternativa è unirci e protestare a viva voce, a rischio di "prendere" dele querele, come è capitato a noi !!!
    Dissenso

    RispondiElimina
  2. La cosa più rara che ai nostri giorni possa essere fatta" metterci la faccia"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sante parole!
      però ho scoperto a mie spese che in questo comune, "metterci la faccia", è molto rischioso.
      non vi auguro di subire certe esperienze.
      persino i consiglieri comunali non allineati, che dovrebbero essere tutelati per la carica che rivestono per mandato elettorale, rischiano non poco.

      Elimina
  3. Anche noi del Blog, un paio di anni fa siamo stati querelati per il post "il sindaco minganti si nasconde dietro ad un dito", ma non ci siamo mai fermati.
    Queste paure fanno solo il gioco di chi ci amministra o di chi le diffonde.
    Credo che l'unica soluzione possa essere l'unione di tutti coloro che non la pensano come il "Re", dopo tutto l'unione fa la forza...
    Poi credo che se per giuste ragioni, valga la pena vivere un solo giorno da leone piuttosto che 100 anni da pecora.
    Se non altro quando gurdo negli occhi i miei figli posso farlo a testa alta!

    RispondiElimina
  4. "Oggetto: Traffico stradale su via Garibaldi. Riscontro note prot. 11597 del 18/8/2012 e prot. 7809 del 1/6/2012.Spett.le Sig. T------,
    mi scuso intanto per il ritardo con cui Le rispondo ma le sue note mi sono state riproposte solo recentemente e quest’estate, avendo dedicato tutte le nostre energie ad affrontare l’emergenza terremoto, ci è probabilmente sfuggita qualche comunicazione.Il problema dell’attraversamento del nostro paese da parte del traffico, ed in particolare di quello pesante, è ben noto alla scrivente Amministrazione e stiamo lavorando con impegno per contribuire a risolverlo. In particolare stiamo operando affinché possa essere marginalizzata la componente di attraversamento (che dalle rilevazioni effettuate corrisponde a circa un terzo del traffico totale) e quella diretta alla zona industriale.Come Lei stesso ricorda, la soluzione che abbiamo ritenuto praticabile, alla luce del rapporto costi/benefici delle opzioni praticabili, consiste nel potenziamento dell’asse viario via Marconi/via Marzabotto al fine di deflettere su questo le componenti di traffico anzidette.A questo scopo:
    - sono stati ultimati i lavori di realizzazione della rotonda fra via Marconi e via Canaletto,
    - è stato stipulato un accordo urbanistico con una proprietà privata affinché si sobbarchi i costi di realizzazione del tratto di via Marconi compreso tra via Canaletto e via Solidarietà,
    - è stato recentemente avviato l’iter espropriativo per acquisire le aree necessarie all’allargamento del successivo tratto di via Marconi,
    - sono in corso trattative con un’importante azienda che opera a Minerbio affinché finanzi una parte dei restanti lavori di allargamento in funzione di alcuni interventi che intende realizzare,
    - è in corso di attuazione il comparto urbanistico C2.3 (a fianco della Caserma dei Carabinieri) il quale prevede la realizzazione di un asse viario aggiuntivo che colleghi il centro del capoluogo a via Marconi,
    - si sono svolti (purtroppo al momento con esito negativo) diversi incontri con Hera e con il Comune di Baricella affinché questi finanzino la realizzazione della “variante al tratto urbano di via Canaletto”, come misura di mitigazione per l’attraversamento del nostro territorio da parte dei camion diretti alla discarica di Baricella (di cui è previsto l’ampliamento).Le ricordo poi che la via San Donato è una strada di proprietà della Provincia di Bologna ed a questa competono gli interventi di manutenzione della stessa; in collaborazione con la Provincia stessa abbiamo realizzato diversi interventi di messa in sicurezza (es. illuminazione passaggi pedonali, isola spartitraffico scuole elementari, ecc…) e sollecitato gli interventi di sistemazione del manto allo scopo di diminuire la rumorosità dei veicoli in transito. Ogni anno la Provincia, nell’ambito delle risorse disponibili, effettua interventi di manutenzione della via San Donato.Come può vedere lei stesso gli interventi e le azioni intraprese sono davvero molte, a testimonianza della priorità che viene data al problema in parola. Le devo però anche evidenziare che, sia per i tempi tecnici necessari per l’attuazione dei progetti, sia per l’enorme quantità di risorse necessarie (parliamo in totale di quasi 6 milioni di Euro di lavori) non è certo possibile, nonostante il tanto impegno profuso, che il problema sia definitivamente risolto in poco tempo. Ogni intervento contribuisce certamente a migliorare la situazione, ma solo al termine della totalità di questi questo troverà soluzione....Il Sindaco"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto pubblicato sopra (come commento) è la risposta alla mail del Cittadino che ha fatto la segnalazione nel post in oggetto.

      Elimina
  5. Inviatoci dall'autore della segnalazione del post:
    Per dovere di cronaca Vi giro risposta del sindaco...
    Sarà una coincidenza,oppure no,ma dopo qualche giorno dal pubblico dibattito sul vostro Blog (24/10/2012) ho ricevuto la tanto attesa risposta ufficiale del sindaco,30/10/2012, che per dovere di cronaca Vi allego di seguito. Nel ringraziare il Sindaco della risposta ad un Cittadino, mi permetto di ricordagli che i cittadini italiani e quindi anche i suoi, sono abituati ad aspettare ad ascoltare e credere a quanto esposto negli impegni elettorali… ma il cambiamento stà proprio nel fatto che la pazienza è giunta a un limite e questo limite stà solo nei tempi tecnici di attuazione di quanto “promesso”!
    Ultima considerazione alla Sua lettera: sono perfettamente a conoscenza che Via San Donato è una strada di proprietà della Provincia, ma è anche la strada principale attorno alla quale è nata la Città di Minerbio è la strada più importante su cui VIVE Minerbio, credo quindi sia un Suo dovere e quindi di tutta la giunta comunale DIFENDERLA & QUALIFICARLA.

    RispondiElimina
  6. Praticamente vuol far fare tutto agli altri, solo che Hera gli ha risposto picche e con una importante azienda le trattative sono ancora in corso.
    Praticamente disse così anche per le pensiline degli autobus e si è visto come è finita...
    Per gli interventi fatti insieme alla Provincia, come dice lui, (isola spartitraffico scuole) prima negò che si potesse fare, poi lo smentimmo e la fece, "quindi grazie a noi".

    RispondiElimina
  7. Eccomi qua a distanza di 2 anni, direi un tempo adeguato, per verificare da buon cittadino, le parole e le promesse, spese, in riguardo alla variante al centro di Minerbio, punto cardine di ben due campagne elettorali del nostro Sindaco.
    Le ultime e uniche notizie erano quelle apparse sull'articolo del quotidiano di bologna che recensiva la firma dell'accordo HERA/SINDACO DI MINERBIO, con cui si voleva finanziare la variante, con l'aumento del traffico pesante di Hera conseguenza dell'ampliamento della discarica di Baricella, sapientemente pubblicate sul sito del comune di Minerbio.
    Da allora il silenzio totale....... che è successo? che fine hanno fatto i soldi di Hera? a che punto siamo?
    Nonostante i rappezzi di qualche centinaio di metri, con chissà quale asfaltatura miracolosa, noi cittadini del centro di Minerbio continuiamo a "tremare" e a vivere con le finestre chiuse, grazie ai rumori e alle vibrazione dei mezzi pesanti!
    E' evidente che la propaganda elettorale è finita.......

    RispondiElimina

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Speech by ReadSpeaker