Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

domenica 14 ottobre 2012

PREMIO NOBEL E DIRITTI UMANI

.
Il Comitato norvegese dei Nobel ha assegnato, a Stoccolma, il Premio Nobel per la Pace 2012 all’Unione Europea.
.
La motivazione è la seguente :
.
"Per aver contribuito alla pace e alla democrazia, e alla tutela dei diritti umani, in oltre 60 anni di attività.
.
L’Unione e i suoi leader hanno contribuito in oltre sessant’anni ai progressi nella pace e nella riconciliazione, nella democrazia e nei diritti umani in Europa.”
.
Senza dubbio qualcosa deve essere “sfuggito” all’attenzione di chi ha valutato il modus operandi del destinatario del Nobel, e cioè l’Europa.
.
Appare quanto meno evidente, infatti, che molte delle personalità dei Governi che reggono gli Stati membri dell’Unione Europea, abbiano intrattenuto rapporti con coloro che sono saliti agli onori della cronaca proprio per aver calpestato i diritti umani.
.
Le cronache che descrivono le performance politiche dei governanti di mezza Europa, sono piene di immagini che li ritraggono mentre stringono la mano a dittatori feroci dei regimi più spietati esistenti.
.
Il nostro Presidente Napolitano, insieme ad altri rappresentanti della politica italiana hanno stretto la mano di Gheddafi, prima che avvenisse la rivoluzione libica.
.
.
Non contento, è stato ritratto mentre accoglieva con calore, stringendogli la mano in segno di saluto e di rispetto, niente meno che il Presidente della  Repubblica popolare cinese.
.
Oggi tutte le Nazioni europee stringono rapporti commerciali con il colosso cinese, legandosi così a filo doppio con coloro che prevaricando i più elementari diritti umani rappresentano l’antitesi stessa del Nobel per la pace.
.
L’occidente tenta di ignorare il fenomeno dei Laogai, i famigerati lager cinesi, nonostante da più parti si levino le grida strazianti di quanti vengono incarcerati, picchiati, torturati, deportati, e uccisi.
.
E' in atto da tempo la strage programmata dell'etnia tibetana, e la deportazione dei monaci buddisti, così come l'annichilimento della polazione, che viene deportata e sostituita da nuovi gruppi familiari cinesi fedeli al regime.
.
Addirittura i neo premiati con il Nobel di Stoccolma hanno celebrato la penultima edizione delle Olimpiadi a Pechino, in spregio verso proteste di tutti coloro che hanno a cuore i diritti umani e la dignità dell’uomo.
.
In questo contesto generale è assurdo riconoscere all’Europa un Nobel come quello della Pace, a meno che non si sia faziosi, auto-celebrativi e auto-referenzialisti.
.
E’ possibile che il comitato per l’assegnazione dei Nobel stia interpretando un ruolo che non è quello oggettivo del riconoscimento morale dei meriti, ma anzi quello che prevede una collusione con i poteri forti, con un’immagine mistificata di una Europa che si identifica sempre di più con le banche e gli speculatori internazionali.
.
Le parole chiave che si affacciano in tutto questo contesto, sono proprio speculazione, intrallazzo, e profitto.
.
Naturalmente l’elemento fondamentale che fa da collante tra la speculazione, il Nobel, e i Paesi come la Cina, è  mors tua vita mea”.
.
A chi interessa infatti che la produzione cinese destinata all’Occidente si regga sullo sfruttamento di detenuti politici, utilizzati come operai a costo zero nelle carceri camuffate da  mega fabbriche ?
.
Certamente non costituisce un alibi sufficiente, per gli speculatori, a rifutare qualsiasi rapporto di tipo commerciale, ma anzi ne costituisce un elemento interessante, a causa proprio dell’appetibile costo ridottissimo.
.
Siamo quindi in una Europa che commercia passando sopra al  sangue di vittime innocenti.
.
Siamo in una Europa che è ostaggio di politicanti che affamano la popolazione, arrivando a costringere i lavoratori in vicoli ciechi, e costringendoli verso un insano epilogo della loro stessa vita, come il suicidio.
.
Siamo nell’Europa che ci è stata imposta da Prodi e dai seguaci metamorfizzati di quel PCI che sul disprezzo della vita umana ha costruito le sue prerogative principali.
.
L’Europa dialoga con la Turchia, che rifiuta ancora oggi di fare ammenda per il genocidio di 2 milioni di armeni, che ancora oggi si tenta di passare sotto silenzio.
.
Le banche europee e le loro politiche disumane stanno provocando un ritorno all’antisemitismo, a favore di una radicalizzazione delle comunità islamiche.
.
I Serbi, i Kosovari, i Croati, gli Azeri, i Curdi, gli Osseti, i Ceceni, gli Albanesi, e i Macedoni sono solo alcuni dei Paesi che forse avrebbero qualcosa da ridire su questo Nobel.
.
Il Trattato di Maastricht ha scavato un profondo solco tra il sistema di gestione politico e le popolazioni, che prevede una totale sudditanza alle decisioni e alle scelte imposte dai poteri forti.
.
Che dire della corsa all’atomica dell’Iran e della Corea ?
.
Cosa ha fatto concretamente l’Europa del Nobel per impedire tutto ciò ?
.
Cosa ha fatto inoltre per salvare i milioni di poveri derelitti che sono scomparsi in Darfur, oppure nel Corno d’Africa devastato dalla siccità ?
.
Ricordo che anche l’Africa è oramai un satellite cinese, il quale sta divorando le risorse disponibili nel “Continente nero”, passando sopra, come è sua consuetudine, sui diritti umani delle popolazioni residenti.
.
La passività dell’Europa passa attraverso una simbiosi che unisce gli interessi economici alla sudditanza finanziaria verso il Celeste Impero .
.
Il Comitato dei Nobel, ci ha già abituati a scelte marcate dall’infamia e da decisioni che definire abominevoli sarebbe un eufemismo, come quella ad esempio di premiare  personaggi legati al terrorismo e al sangue di vittime innocenti.
.
Mi riferisco a Yasser Arafat, premiato col Nobel per la pace nel 1994, nonostante il fatto che fosse l’incarnazione stessa del terrorismo di massa, come leader dell’OLP, rea di odiosi misfatti e di attentati.

Cosa dire poi delle migliaia di personaggi di spicco della politica che sono indagati dalla magistratura, non solo in Italia ?
.
La crisi che attanaglia i popoli europei si può identificare con l’operato di migliaia di politici che hanno arraffato per decenni, causando la chiusura di aziende, sconvolgendo equilibri consolidati, permettendo al colosso cinese di sostituirsi alle economie nazionali, facendo proliferare il malaffare a loro esclusivo vantaggio, in una corsa che ci sta portando alla rovina.
.
Questa è la situazione dell’Europa, a causa di coloro che detengono il potere…
.
Gli vogliamo dare anche il Nobel ?
.
Ridicolo…sarebbe semplicemente ridicolo, se non fosse tragico…
.
Dissenso
.

Speech by ReadSpeaker