Articolo 21 della Costituzione Italiana

Articolo 21 della Costituzione Italiana:
"TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE"

domenica 4 dicembre 2011

CONNUBIO TRA HERA E COMUNE DI MINERBIO

Il giorno 29 del mese di Novembre si è tenuto l'ultimo (in ordine di tempo) Consiglio Comunale.
.
Il Comune ha rinnovato un accordo con la multi-utility , per mezzo del quale Minerbio si è trovata ad essere socia azionaria del colosso bolognese.
.
In questi termini potrebbe sembrare ai più che il connubio possa essere quanto meno vantaggioso, ma analizzando la questione emergono invece particolari inquietanti.
.
Le quote azionarie di Hera comprate dal nostro Comune rappresentano uno 0,08 % del totale, per cui il peso di Minerbio nei confronti dei soci è veramente insignificante.
.
Il prezzo delle azioni all'atto dell'acquisto era di circa 3,00 euro, mentre ora il valore delle azioni stesse è precipitato a circa 1,00 euro.
.
I Comuni associati sono circa 120 e per questo si parla di controllo pubblico, ma sarebbe più corretto dire che poichè le Amministrazioni coinvolte appartengono al Partito Democratico, ne consegue che il controllo è partitico (a proposito, l'anti trust non dovrebbe intervenire ?).
..
Senza contare il fatto che non abbiamo mai visto una S.P.A. fare l’interesse di un cittadino qualunque, privilegiandolo rispetto ai soci azionari .
.
L'egemonia del settore è quindi assicurata da una fitta rete di connivenze che si snoda attraverso le nomine di Amministratori e gli incarichi di Partito.
.
Le strategie aziendali di Hera prevedono che non si possa rescindere il contratto di collaborazione, a meno che non si cedano le quote a qualcuno già inserito nel contesto stesso, dopo approvazione del consiglio di Amministrazione.
.
Inoltre sembra che ci sia una clausola che imponga un rinnovo quasi automatico alla fine del contratto azionario creando così una sorta di circolo vizioso permanente.
.
Le caratteristiche non sono quelle di una vera e propria lobby, a circuito chiuso e autoreferenziale.
.
La cosa più grave è che il settore dei rifiuti, a cui Minerbio attinge, gestito esclusivamente da Hera, condiziona pesantemente la società Minerbiese stessa, impedendo che altre strategie possano essere elaborate in alternativa.
.
Facciamo un esempio :
.
Il blog “LA VOCE DEL CITTADINO” ha insistito per molto tempo sulla necessità di adottare modelli, diversi da quello attuale, per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani.
.
In particolare abbiamo proposto il cosiddetto “modello Vedelago” dal nome del Comune in cui è in uso una raccolta differenziata che arriva fino al 98 % di riciclo del materiale raccolto.
.
In questo caso i rifiuti diventano una risorsa economica e non costituiscono più un costo per la collettività, ma l'Amministrazione minerbiese si è sempre dimostrata sorda e cieca al riguardo, ignorandoci con superbia e arroganza.
.
Ora, con il rinnovo del contratto con Hera, siamo costretti a ricorrere ai suoi servizi, e poiché il nuovo piano rifiuti del Comune di Minerbio, presentato dall'Assessore BUSATO, prevede una forma di raccolta differenziata, si arriverà ad un aumento tariffario maggiorato del 25 - 30 % come minimo...
.
Non si capisce quindi il perché non si possano copiare processi di raccolta differenziata a costi zero per la popolazione, già attuati da altri comuni in Italia, e si debba essere costretti a rimanere sotto le “grinfie” di Hera …
.
Non solo !
.
E' previsto l'acquisto di cassonetti con micro-chip, oltre che di nuovi contenitori, e di due nuovi macchinari per compattare la plastica, del costo di 120.000, 00 euro l'uno.
.
Scompariranno i cassonetti per la raccolta indifferenziata.
.
E' previsto che il prodotto degli sfalci dei giardini, e cioè il fogliame e i rami, così come l'erba, dovranno rimanere in loco, cioè sul posto dove avviene lo sfalcio stesso.
.
Lo stesso assessore afferma che l’erba tagliata fa bene al terreno, pertanto chi la sfalcia può benissimo lasciarla nel proprio giardino.
.
In questa ottica verrà eliminato il cassone verde che serviva a contenere gli sfalci di tutto il paese.
.
L’Europa ci impone di raggiungere il 65% della raccolta differenziata e secondo l'Assessore il suo "piano" dovrebbe contribuire a raggiungere la così tanto agognata quota.
.
Peccato però che tutto questo meccanismo verrà azionato molto lentamente, provandone la funzionalità in alcune zone “di collaudo”, per poi eventualmente, estenderlo a tutto il territorio dopo le necessarie correzioni.
.
Secondo voi riusciremo a raggiungere il 65 % entro il 2012 ?
.
Vi ricordiamo che partiamo dal 19% !
.
A voi la risposta…
.
Vogliamo inoltre informarvi che tale processo di raccolta differenziata è stato elaborato da una ditta di Bolzano al costo di 17.000 €, e che sono stati presi inoltre, come campioni di riferimento, i dati del censimento relativi al 2001 (ben 10 anni fa) !!
.
ln questo modo i protocolli usati per la stima delle esigenze territoriali risultano, a nostro parere, obsoleti e inadatti a svolgere una interpretazione affidabile.
.
Intanto Hera si frega le mani, visto che sicuramente trarrà un incremento economico dalle nostre aumentate spese per la raccolta.
..
.
A monte di tutto ciò, poi, esiste sempre un grave problema, di cui Hera sembra non accorgersi, e cioè l'inceneritore di Granarolo.
.
Con questo mostro antiecologico, che ha avuto il coraggio di chiamare termovalorizzatore, Hera produce energia, che vende a richiesta libera di mercato.
.
Peccato però che per farlo necessiti di due modus operandi che pesano uno sulle tasche dei cittadini, e l'altro sulla salute degli stessi.
.
Il primo prevede di raggiungere alte temperature per la produzione di energia, e il ricorso alla plastica da bruciare per raggiungere lo scopo.
.
Peccato però che in casi come questi la diossina e le nano particelle diventino una costante, tanto pericolosa, quanto ignorata dal colosso Hera.
.
Il secondo, prevede di inglobare introiti aggiuntivi, che noi forniamo con un pagamento supplementare in bolletta, sotto il nome di Cip6, senza di cui la produzione di energia di Hera sarebbe fallimentare e non conveniente.
.
Peccato che tale Cip6 dovrebbe essere "versato" per favorire e incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili, mentre in realtà la plastica viene semplicemente bruciata, con le conseguenze nefaste sopra descritte.
.
In taluni casi, come nel Comune di Granarolo dell'Emilia, Hera usa sistemi subdoli per tacitare il dissenso o le proteste, o eventuali cosiddetti "verdi", ricorrendo a facilitazioni economiche e a privilegi tariffari per i cittadini ivi residenti, ottenendo "in cambio" un tacito assenso al proseguo dell'attività sul loro territorio.
.
Chissà perchè non viene effettuato uno studio sull'incidenza dei tumori nelle aree interessate dalla ricaduta dei fumi dell'inceneritore ?
.
Chissà perchè non si invitano esponenti di associazioni o di movimenti interessati alla trasparenza dei procedimenti e delle problematiche degli inceneritori ?
.
Minerbio (cioè tutti noi, inconsapevoli cittadini) è socia e azionista di tutto ciò, con buona soddisfazione del sindaco Lorenzo Minganti (PD) che si relaziona con Hera attraverso un responsabile (provenienza PD) che lo aggiorna e lo consiglia amorevolmente.
.
Un vero e proprio balletto PD, molto simile a quello che si può trovare circolando negli ambienti di Unipol, o in altre roccaforti dei poteri forti gestiti dal comunisti nostrani.
.
Quello che è più triste, è il fatto che Minerbio ora, grazie ai comunisti, è inserita in un carosello di problematiche di partito che vanno dagli interessi delle lobbies a cui il PD è legato, fino alle strategie elettorali, passando per poltrone predefinite (senza ricorrere alle primarie) e per il ricorso alla manipolazione della realtà.
.
Sembra di essere tornati indietro di 60 anni, quando il comunismo proponeva da un lato il modello Togliatti come riferimento, e dall'altro mandava a morte i suoi stessi compagni, esibendosi così in un tragico balletto dal sapore amaro.
.
Nascondere la verità è sempre stata una prerogativa dei compagni della falce e martello, così come oggi lo è per gli stessi identici compagni del PD.
.

Fino a quando, ancora, dovremo subire tutto ciò ?
.
~ ~ ~
.
Dissenso
.

Speech by ReadSpeaker